"L'acqua non si mercifica" CasaPound
in piazza a favore del referendum

 (foto: Casa Pound Sassari)
(foto: Casa Pound Sassari)
SASSARI. Questa mattina i militanti sassaresi di CasaPound Italia hanno organizzazto un banchetto in piazza Fiume, e hanno regalato mille bottigliette d'acqua e distribuito centinaia di volantini per sensibilizzare la popolazione per il referendum sulla privatizzazione dell'acqua.

«L'acqua non si mercifica- si legge nelle etichette delle bottigliette distribuite- leviamo le mani sporche dei privati dalla nostra acqua. Per l'acqua bene comune vota SI».

«Abbiamo deciso di regalere le bottigliette - afferma Ugo Pasella, coordinatore regionale di CasaPound - perché hanno un forte valore simbolico; sono il simbolo della privatizzazione del bene idrico. Secondo la nostra visione politica, è impensabile e fortemente antietico che la gestione di un bene comune venga affidata a multinazionali e Spa, come la nostra fallimentare Abbanoa, le quali possono in quanto gestori del servizio, ottenere profitti garantiti sulla tariffa, caricando sulla bolletta dei cittadini un 7% senza per forza migliorare il servizio, ciò
significa che le tariffe dell'acqua possono essere aumentate
arbitrariamente, giustificandole con investimenti».

«Per questa serie di ragioni- conclude Pasella- saremo presenti nelle piazze con volantinaggi e iniziative tutta la settimana e invitiamo tutta la popolazione a recarsi a votare SI a entrambi i quisiti riguardanti la gestione del bene idrico, scheda gialla e scheda rossa».
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Casa Pound Sassari)