Latte Dolce calcio, report della giornata di campionato col Flaminia

Turno infrasettimanale sull'erba del Vanni Sanna, Flaminia avversario di turno di un Sassari calcio Latte Dolce che si presenta in campo con Gianni in mediana e la coppia Carboni-Scognamillo in avanti, con il giovane attaccante algherese che porta sul viso una maschera griffata Ortsan a protezione dello zigomo fratturato. I biancocelesti partono subito decisi e dopo nemmeno due minuti di gioco trovano il vantaggio: svarione difensivo dei laziali, Carboni ha il guizzo e l'intuizione da attaccante e la mette battendo Vitali per l'1-0. Un minuto dopo Di Maira tenta di ristabilire subito gli equilibri ma Garau in tuffo è bravo a sventare la minaccia. Al 7' ancora Carboni si insinua come lama nel burro nella difesa avversaria, stavolta però Vitali è bravo a coprire specchio e spazi e stoppare l'iniziativa della punta biancoceleste. Buona pressione dei padroni di casa e difesa avversaria ancora sotto stress. Giallo per Scognamillo, squadre che si fronteggiano con il Flaminia rapido nella transizione a cercare di costruire la manovra e i padroni di casa, in controllo, a tentare di sfruttare gli spazi. Scogna atterrato al limite dell'area, ma la punizione finisce dritta fra le mani di Vitali. Ammonito Carta, Pezzopnae ferma la corsa di Di Maira causa offside, poi lo stesso attaccante tenta il colpo a effetto dalla lunga distanza ma Garau è ponto alla deviazione acrobatica in corner. Giallo anche a Mignone, dopo un minuto di recupero si torna nello spogliatoio con il Sassari Latte Dolce avanti 1-0. Stacco perfetto di Antonelli su calcio d'angolo, para il numero uno del Flaminia. Tuccio autoritario in difesa, dentro Masala mentre mister Schenardi gioca la sua terza sostituzione del match. Scanu ci prova e non va lontano dal bersaglio al 61', spazio a Palmas e applausi a Carboni, autore del gol. Mastrantonio costringe Garau ad una grande parata, Udassi mette in campo Patacchiola e Gadau, poi Palmas costringe anche Vitali all'intervento in tuffo ma il Flaminia non molla la presa e prova a farsi pericoloso. Marcangeli per Scognamillo, ed è proprio l'ultimo entrato che sotto misura non riesce a trasformare in rete l'occasione costruita. Sono 4' i minuti di recupero da giocare, fischio dell'arbitro e festa biancoceleste.





© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo