Università e Accademia Sironi insieme per l'innovazione negli eventi del Mas.Edu

di SSN
Si sono concluse venerdì 16 novembre al  Mas.Edu di Sassari le attività organizzate dall’Università di Sassari e dall’Accademia di Belle Arti “Mario Sironi” nell’ambito dei progetti internazionali Interreg Fri Start e Art Lab Net. Agli eventi hanno partecipato circa cento studenti e studentesse provenienti dal Liceo Scientifico Spano e dall’Istituto Tecnico Industriale Angioy.
Il Fri Start Cup Cooperation Summit ha decretato le 8 migliori idee presentate da innovatori di Italia e Francia. Di 75 progetti innovativi candidati, 40 hanno superato le selezioni e i 12 migliori questa mattina hanno avuto l'opportunità di presentarsi al pubblico presente. Alla fine, 8 gruppi sono stati scelti dalla giuria perché, al di là dell'idea, il piano di sviluppo dell'impresa si è dimostrato in una fase più avanzata rispetto agli altri. I vincitori sono Nemesys e Inalve (settore green Energy), Krono-Nubeus (settore turismo), Haruspex (yachting-cybersecurity), Mycophyto e Stepso (biotech), Phoenix ed Eablock per altri settori. Du menzioni sono state attribuite a Greta Tulipani e Innova biocontrole.
Nemesys (Italia) – acronimo di New Mobility Electric System – ha sviluppato una tecnologia innovativa, una sorta di batteria innovativa più evoluta delle batterie al litio (più pesanti e con un tempo di ricarica più lungo) ead altri tipi di tecnologie. Sono pensate soprattutto per il mercato dell'automobile e della mobilità sostenibile.

Inalve, Francia (settore green Energy,) produce e commercializza un nuovo mangime per pesci realizzato a partire dalle microalghe. Questo nutrimento ha un alto contenuto proteico, ideale per l'acquacultura, aiuta a migliorare la salute del fegato e del sistema immunitario degli animali.
Krono-Nubeus, Francia (settore turismo) è una applicazione che supporta tutti gli step utili per un runner (cioè un appassionato di corsa), dalla registrazione al risultato finale. La applicazione è rivolta soprattutto agli organizzatori di eventi sportivi e comprenderà anche altri sport estivi e invernali.
Haruspex (Italia), nel settore yachting-cybersecurity, è un insieme di moduli software che può prevedere attacchi dannosi contro strutture informatiche di pubbliche amministrazioni, imprese, banche e così via.
Mycophyto, Francia (biotech), offre prodotti e servizi agricoltori e industria che utilizza le piante per fabbricare profumi, cosmetici, viti. Tra i servizi offerti, la valutazione dell'attività biologica dei suoli.
Stepsol (biotech), Francia, ha lavorato sullo sviluppo di un deposito idraulico attivato dall'energia solare. A causa dell'intermittenza delle fonti rinnovabili di energia, è diventato più difficile mantenere la rete elettrica stabile ed equilibrata tra consumo e produzione.
Phoenix (Francia) è una nuova carrozzina per disabili in grado di rendere autonomi i portatori di disabilità in qualunque tipo di movimento, compresa la discesa di scale anche piuttosto alte.
Eablock, (Italia, Sardegna) è un software che porta allo 0% i rischi di subire attacchi informatici grazie alla crittografia e al blockchain.
Le menzioni:
Greta Tulipani (Italia, Sardegna) è un'impresa impegnata del settore dell'abbigliamento sostenibile o "slow fashion". Greta Tulipani ha l'obiettuivo dfi sviluppare con metodi trasparenti ed equi, produrre e commercializzare abbigliamento femminile grazie all'incontro tra il design italiano e la semplicità e robustezza del continente africano.
Innova biocontrole (Francia) cerca soluzioni per la prevenzione e il controllo dei patogeni in agricoltura senza l'utilizzo di agenti chimici, sfruttando le proprietà degli enzimi e dei microrganismi.

A colpire, tra le idde presentate anche quella quella della CMS Marine, che,
con l'utilizzo di un materiale totalmente riciclabile, nel campo della nautica, è in grado di sostituire la vetroresina nella nautica da diporto, risolvendo il problema dello smaltimento. Il Kelvet ha infatti caratteristiche uniche come la leggerezza, l'economicità e perfino l'unicità. Ogni natante potrà essere realizzato in sole 16 ore con una macchina a calcolo numerico e quindi facilmente personalizzabile senza neccessità di alcuno stampo.
Queste start up non hanno ottenuto premi in denaro ma potranno incontrare gruppi di investitori interessati alle loro idee imprenditoriali. Gli eventi organizzati dall’Università di Sassari hanno avuto luogo negli spazi di via Piga assieme al Computation Clay e ad Art lab Net, progetti dell’Accademia di Belle arti "Mario Sironi".


Il Progetto Interreg ART LAB NET dell' Accademia delle Belle arti "Mario Sironi" ha trasformato in un vero e proprio laboratorio di idee il Mas.Edu, ancor più coinvolgente e "operativo" nel Computation Clay  con l'artista, ma soprattutto artigiano ceramista di fama internazionale Jonathan Keep. Artigiani dell'isola, studenti ed appassionati hanno preso parte alle lezioni in un percorso coinvolgente e interessante dove arte e mestiere si fondono in maniera indissolubile. Dove il talento personale e l'esperienza trovano nella tecnologia un amplificatore quasi indispensabile.
Il Computation Clay è stata l'occasione giusta per rilanciare -se mai ce ne fosse stato bisogno- il progetto Art Lab net. Un percorso nel quale l’Accademia "Sironi" ha realizzato e sta sviluppando un Centro Risorse e di Innovazione per i Mestieri d'Arte composto da un FabLab artistico, spazi di co-working e incubazione di nuove imprese artigiane.
L'evento parte dall’idea di rivitalizzare con continuità uno spazio di assoluta importanza per la città come il Mas.edu. Il Computation Clay ha permesso un contatto e scambio di idee tra aziende di vari settori, maestri artigiani e giovani con nuove idee imprenditoriali.

Visto lo scopo dei nuovi spazi, e in questo senso l'incontro con un noto ceramista come Johnathan Keep è stato il modo migliore per inaugurarli.
Art lab net, infatti, racchiude in sé tradizione e innovazione, creatività e riposizionamento sul mercato. Ma soprattutto rete e sistema di condivisione delle conoscenze. Un progetto che ha l’obiettivo di realizzare Centri di innovazione e supporto allo sviluppo imprenditoriale dell’attività di artigianato artistico,  posto che Art Lab Net individui nell'innovazione un elemento di assoluta valenza per lo sviluppo sostenibile mettendo a disposizione delle imprese dei poli di competenza e di servizio condivisi. 
Questa è una vera sfida che i partner del progetto -riuniti in due giorni di fitti incontri strategici a Sassari- stanno affrontando ed hanno tutte le carte in regola per vincerla. Art lab net è solo il punto di partenza: l’idea-visione è quella di dare continuità alla collaborazione con gli artigiani, ampliandone il livello di competitività, in futuro che vede coinvolti anche i giovani artisti che partendo dal loro talento possono esprimere le loro grandi qualità.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo