Piani personalizzati per la disabilità grave, l'assessore Arru garantisce la continuità

La Giunta, su proposta dell’assessore della Sanità Luigi Arru, ha approvato la delibera con la quale si garantisce la continuità per il 2019 ai piani personalizzati in essere al 31 dicembre 2018, che dovranno essere rivalutati entro i primi tre mesi dell’anno 2019 con l’aggiornamento della scheda sociale tenuto conto della capacità economica della persona (ISEE 2019) e, se necessario, della scheda di valutazione sanitaria.

I piani personalizzati di nuova attivazione nel 2019 avranno decorrenza dal prossimo 1° maggio per le persone con disabilità grave, nei limiti delle risorse assegnate a ciascun ente locale. A questi, per garantire continuità all’intervento, sarà assegnato un importo pari al 50% delle somme impegnate nel 2018, cui seguirà un successivo conguaglio. Entro il 9 aprile 2019 gli enti locali dovranno inviare alla Direzione generale delle Politiche Sociali il fabbisogno 2019. Per i piani da attuarsi nel 2019, la Giunta ha deciso di confermare il criterio di carattere generale secondo il quale la gestione del progetto non può essere affidata ai parenti conviventi e a quelli più prossimi.

“La programmazione dell’intervento finanziato dal Fondo per la non autosufficienza regionale – sottolinea l’assessore Arru – ha garantito la continuità del sostegno assistenziale alle persone con disabilità fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, con difficoltà d’apprendimento, di relazione o di gestione autonoma delle attività di vita quotidiana, tali da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione. Per il 2019, la Giunta propone l’aumento dello stanziamento sino a 105 milioni di euro”.

“Nel corso del 2018 – aggiunge Arru – sono stati attivati piani personalizzati a favore di 38.577 persone con disabilità, di cui 15.077 di età inferiore ai 65 anni e 22.474 over 65. Rispetto all’insieme dei piani personalizzati, il 79% è costituito da piani in continuità dall’anno precedente mentre il restante 21% è stato avviato nell’anno in corso. Rispetto al bisogno rilevato dei beneficiari, sono state pianificate prevalentemente ore di assistenza domiciliare (83%) e di servizio educativo (13%) mentre è stato minore il ricorso alla pianificazione di ore di attività sportive e/o di socializzazione (8%), di inserimenti in centri diurni (1%) e di soggiorni temporanei in strutture (0,5%)”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo