Alghero. Fine anno in costume con l'evento storico "l'800"

Un salto indietro nell’ 800 per rivivere momenti di quotidianità, divertimento e svago come si usava due secoli fa. Alghero rimette in moto la macchina del tempo, per cinque giorni e quattro notti, per festeggiare in grande stile l’inizio del nuovo anno. L’Associazione culturale “Itinerari nel tempo” ripropone un evento che l’anno scorso ha attirato migliaia di turisti e appassionato tantissimi cittadini. “l’800” ad Alghero edizione 2017, ha animato le mura storiche della città catalana di dame e cavalieri che hanno messo in scena eventi e costumi di un’epoca di grandi cambiamenti nella storia d’Italia e della Sardegna. Quest’anno l’evento si ripropone con una formula nuova: il pubblico non sarà solo spettatore ma verrà coinvolto a 360 gradi: potrà prendere lezioni di ballo storico in abito, potrà seguire conferenze e dibattiti sulla storia del costume, potrà partecipare alle passeggiate per le vie del centro o semplicemente prenotare il proprio abito ed entrare a far parte del museo vivente che animerà il centro storico.
La seconda edizione dell’800, riparte dunque da Alghero visto l’entusiasmo e la partecipazione dello scorso anno.

Dal 30 dicembre al 2 gennaio assisteremo ad un salto nella storia senza eguali. Mentre nella prima edizione, la rivisitazione di eventi storici era il filone conduttore, quest’anno saranno balli, sfilate e momenti di svago ad essere rievocati e reinterpretati. Ospiti d’occasione saranno i ballerini della scuola 8cento di Bologna che sfileranno e balleranno secondo le usanze dell’epoca. Il programma di quest’anno è ricchissimo e si articolerà in momenti diversi; chi vorrà seguire da vicino la manifestazione può scegliere tra diverse opzioni. Tutti i figuranti in abito storico saranno presenti anche durante le visite guidate presso il complesso monumentale di San Francesco e al Museo Casa Manno. Altri spunti interessanti che il pubblico potrà seguire, li fornirà un giovane artigiano Tonello Mulas che mostrerà come nasce un tessuto di lino o cotone usando il telaio antico.  L’evento è rivolto a tutti; anche i più piccoli possono partecipare alle attività ludico ricreative, dai balli alle passeggiate storiche. “La particolarità di quest’anno- ha spiegato il Presidente dell’associazione Itinerari del tempo Andrea Sini- è che il pubblico sarà non più spettatore ma parte integrante del “tableau vivant”. Rivivere la storia è il primo passo per salvaguardarla e imparare da essa”
Per partecipare si può mandare una mail a sini.wille@gmail.com o consultare la pagina facebook di Itinerari nel tempo e usare la messaggistica istantanea. L’evento è aperto a tutti gli appassionati del genere.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo