Sassari, dietro le sbarre un uomo e una donna per rapina

di SSN
Stamani i Carabinieri della Sezione Radiomobile del N.O.R. della Compagnia di Sassari hanno eseguito una misura di custodia cautelare in carcere nei confronti di P.F., 52enne, e M.T., 49enne, una coppia di pregiudicati sassaresi già noti alle forze dell’ordine.
Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale su richiesta della Procura di Sassari, che ha avallato le risultanze investigative delle indagini condotte dai Carabinieri di Sassari.

La vicenda risale alla rapina del 19 ottobre ai danni di una donna, in Corso Regina Margherita di Savoia, a Sassari. La vittima era stata attirata da un uomo (P.F.) che elemosinava dei soldi, ma era una trappola a tutti gli effetti.

La rapina si era trasformata in un’aggressione. M.T. si era avvicinata alla vittima tentando di strapparle la borsa dalle mani, mentre l’uomo la spingeva facendola cadere a terra e colpendola poi con la cintura dei pantaloni. I due quindi, dopo aver avuto la meglio, le rubavano denaro per circa 50 euro ed il cellulare, fuggendo subito.

La donna ha denunciato quanto accaduto ai Carabinieri di Sassari, che hanno attivato le ricerche dei soggetti sulla base della descrizione fornita dalla vittima.
La dinamica riferita insieme agli elementi descrittivi acquisiti, hanno consetito ai militari della Compagnia di Sassari di analizzare in modo approfondito il tessuto criminale sassarese del centro storico, in questo caso anche senza l’ausilio di alcuna telecamera, e di giungere all’individuazione dei due presunti rapinatori, che venivano quindi riconosciuti dalla vittima. 

I due arrestati sono stati raggiunti dalla misura cautelare maggiormente afflittiva spiccata nei loro confronti e tradotti alla casa circondariale di Sassari-Bancali a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Le attività svolte nel contesto investigativo si inquadrano in una più ampia prospettiva di contrasto deciso portato avanti dalla Compagnia Carabinieri di Sassari rispetto ai fenomeni di microcriminalità che hanno interessato il centro storico negli ultimi mesi, finalizzato a garantire una maggiore tranquillità e percezione di sicurezza ai residenti del quartiere.      

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo