Finanza, sequestro di droga e due arresti a Cagliari

Nella serata di ieri, le Fiamme Gialle di Cagliari hanno tratto in arresto due fratelli di 37 e 33 anni residenti a Quartu Sant’Elena, accusati di spaccio di stupefacenti.Il servizio ha avuto origine da una delle numerose attività di controllo economico del territorio a contrasto dei traffici illeciti, durante la quale i Baschi Verdi, appostati nei pressi della piazza Sacro Cuore di Quartu Sant’Elena, notavano un movimento sospetto di persone che, avvicinandosi a piedi ad un soggetto che stazionava nella piazza, ricevevano un involucro ed in cambio consegnavano una banconota.
I Finanzieri, sospettando un’attività di spaccio, confermavano i loro dubbi quando, a seguito di un controllo eseguito nei confronti di un ragazzo che si era appena allontanato dal luogo dello scambio dopo essersi intrattenuto con il presunto spacciatore, lo stesso veniva trovato in possesso di 5 grammi di hashish.Avuto pertanto un’ulteriore indizio dell’attività illecita, i Baschi Verdi, unitamente alle unità cinofile, decidevano di controllare il soggetto che stazionava nella piazza, trovandolo in possesso di 79,8 grammi di hashish, 11,9 grammi di marijuana e € 465,00 ragionevolmente provento dello spaccio.
 
Le Fiamme Gialle, quindi, estendevano l’attività di indagine presso l’abitazione dello stesso spacciatore che dava esito negativo, ma, essendo giunto sul posto il fratello del perquisito, il medesimo veniva sottoposto a controllo e trovato in possesso di 7 grammi di marijuana. La successiva perquisizione effettuata sulla sua autovettura permetteva di rinvenire 1 kg di marijuana, 42,3 gr di cocaina, 148 semi di marijuana e 2 bilancini di precisione. Al termine delle attività, tutta la sostanza stupefacente rinvenuta, il veicolo e 2 telefoni cellulari sono stati sottoposti a sequestro, gli spacciatori sono stati tratti in arresto e verranno processati, con rito direttissimo, nella giornata di lunedì. Il soggetto acquirente dei 5 grammi di hashish, un cittadino italiano classe 1970, è stato invece segnalato alla Prefettura di Cagliari.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo