Casapound rende onore ai martiri della tragedia a Fiume Istria e Dalmazia

Riportiamo la nota a firma di Fabio Corrias, responsabile Casapound Sardegna, che ieri insieme al gruppo politico ha reso onore ai martiri e agli esuli d'Istria Fiume e Dalmazia:


"Essere italiani era l’unica ‘colpa’ delle vittime del genocidio razziale messo in atto da Tito a cavallo della seconda guerra mondiale. Oltre 10.000 nostri connazionali furono assassinati, torturati, legati l’uno agli altri e gettati, in molti casi da vivi, nelle foibe causando l’esodo di 350.000 giuliano-dalmati che dovettero abbandonare per sempre le loro terre, rifugiandosi in Italia o all'estero. Una vera pulizia etnica che per ben 50 anni i libri di storia e la loro stessa Nazione li ha ignorati e dimenticati.  A Fertilia, CasaPound Sardegna con i buoni cittadini e patrioti Sardi hanno tributato un ricordo, rendendo i dovuti onori ai martiri e agli esuli d'Istria, Fiume e Dalmazia."
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo