Coldiretti: "Restiamo al fianco dei pastori, oggi non si recuperano quattro anni di silenzio"

Coldiretti risponde a Pigliaru in merito alla vertenza latte:

"Restiamo al fianco dei pastori, veri protagonisti di questa rivolta. E attende che l’associazione industriali proponga a tutti i pastori della Sardegna il prezzo del latte che non ha voluto ne trattare ne modificare in questi mesi. Il presidente Pigliaru e l’assessore all’agricoltura Caria, attraverso un comunicato stampa, chiedono a tutti i portatori di interesse del comparto ovicaprino di partecipare al tavolo della Regione “per trovare una giusta soluzione alla crisi del prezzo del latte”. Coldiretti Sardegna per mesi e con proposte concrete ha cercato di trovare delle soluzioni per la grave crisi del settore ovino. Lo ha fatto nei tempi giusti, quando ancora c’erano le condizioni minime per poter trattare ed evitare l’inevitabile ed annunciata esplosione di rabbia di un settore al quale si proponevano e si continuano a proporre ad oggi, remunerazioni indegne, sotto i costi di produzione e illegali, visto che l’articolo 62 della legge 1 del 2012 lo proibisce e sanziona: “vieta qualsiasi comportamento del contraente che, abusando della propria maggior forza commerciale, imponga condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose, ivi comprese, ad esempio: qualsiasi patto che preveda prezzi particolarmente iniqui o palesemente al di sotto dei costi di produzione”.Come annunciato prima dell’ultimo tavolo, il tempo delle trattative è terminato.Le proposte di Coldiretti Sardegna, ci sono e sono nel tavolo dell’assessorato da mesi e quindi datate visto che oggi sono cambiate le condizioni.Perciò oggi il tavolo è obsoleto e superato dalla contingenza. Il prezzo del latte è quello richiesto a gran voce e palesemente dai pastori manifestanti ed è a loro pubblicamente che l’industria deve fare la proposta. Per questo rispingiamo al mittente gli appelli alla responsabilità, che arrivano da chi ha risposto con il silenzio e l’indifferenza alle tante nostre proposte, arrivate già quattro anni, ad inizio legislatura, quando in un momento di serenità per la filiera grazie ad un prezzo del latte e del Pecorino romano favorevole, avevamo proposto al presidente Pigliaru, la creazione di un Consorzio di secondo grado a capitale Sfirs per riunire tutte le cooperative ed avere un unico manager per tutte. Non si possono recuperare oggi quattro anni di silenzio."


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo