Alghero saluta il pittore Gerolamo Mannoni nel suo ultimo viaggio

A tre mesi esatti dalla sua ultima mostra antologica, Gerolamo Mannoni lascia i suoi cari e la sua amata Alghero per compiere l'ultimo viaggio. "80 frammenti di vita",  è stata una personale voluta fortemente dall'artista che ha raccolto i suoi ottant'anni di emozioni, di scorci meravigliosi della città catalana,di luci e colori che disegnano i tramonti algheresi. Il sentimentalismo quasi bucolico delle sue tele echeggia nella memoria degli algheresi, che lo hanno seguito prima come maestro d'arte poi come artista nelle mostre personali e collettive. Amava tanto la sua Alghero anche se non gli ha dato i Natali. In sella alla sua bicicletta, in barba all'età e agli acciacchi, amava pedalare e rubare angoli di natura con i suoi scatti. Osservava rapito ogni angolo di mondo e fotografava ciò che in realtà era già impresso nella sua memoria visiva. Lo faceva per restituire nei minimi particolari i giochi di luce che il mare al porto rifletteva sulle mura storiche. Persino nel giardino della sua, aveva dipinto Alghero in tutta la sua intima bellezza. Una riproduzione fedele, resa magica dall'azzurro cielo e dalle sfumature del mare, riflessi e luci che fin da bambino, hanno influenzato il suo amore per la pittura. Tutta la città si stringe intorno al  dolore della famiglia Mannoni che oggi nella chiesa dei Passionisti, rivolge l'ultimo saluto al maestro Gerolamo. Lo ricorderemo tutti, per averci lasciato in dono le immagini più belle della città di Alghero.





Alessandra Mura
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo