ATS, assunzioni: "Non applichiamo le leggi regionali tagliando fuori
le graduatorie concorsuali Aou"

L'Ats spiega in una nota stampa le modalità di assunzioni a tempo indeterminato:

"Il consigliere regionale Roberto Desini ha presentato una interrogazione rivolta all’assessore alla Sanità, Luigi Arru, per denunciare le modalità con cui l’Ats Sardegna sta utilizzando le graduatorie concorsuali per l’assunzione a tempo indeterminato e chiedere chiarimenti alla Giunta.
Con una serie di determine dirigenziali emanate nelle ultime settimane, ATS ha autorizzato lo scorrimento delle graduatorie concorsuali per l’assunzione a tempo indeterminato degli assistenti e dei collaboratori amministrativi, tralasciando di applicare correttamente quanto disposto dalla Legge regionale 17/2016, secondo cui l’Azienda per la tutela della salute della Sardegna, in assenza di graduatorie valide, deve attingere per le chiamate al lavoro dalle graduatorie degli altri enti del Sistema sanitario regionale. Non solo, le determine ATS, disattendono anche le Linee guida regionali che, in ossequio alla normativa nazionale, considerano scadute le graduatorie concorsuali precedenti al 2010. Agendo in questo, di fatto, ATS utilizza delle graduatorie scadute e taglia fuori le liste concorsuali dell’AOU di Sassari, approvate nel 2012, le prime in ordine cronologico valide per l’assunzione di assistenti e collaboratori amministrativi (le altre graduatorie valide sono quelle della Assl di Nuoro, che però sono successive).

ATS giustifica, erroneamente, lo scorrimento delle graduatorie precedenti al 2010 per le assunzioni di personale non coperte dalle procedure di mobilità, col fatto che utilizzi “disponibilità già acquisite nel corso dell’anno 2018”.  Un procedimento illegittimo in quanto le procedure di mobilità si stanno concludendo in questi giorni, e quindi nel 2018 Ats non poteva prevedere il numero di persone da reclutare con gli avvisi di disponibilità.
Inoltre le norme vincolano l’utilizzo a scorrimento delle graduatorie approvate dal 2010 al 2013 alla frequenza obbligatoria da parte dei soggetti inseriti in dette graduatorie, di appositi corsi di formazione e aggiornamento organizzati dall'amministrazione, con superamento di esame-colloquio diretto a verificarne la perdurante idoneità. Corsi ed esami che in Sardegna non sono mai stati svolti per mancanza di risorse economiche.

Compiendo questi atti ATS esclude di fatto la possibilità di utilizzare le graduatorie concorsuali dell’AOU di Sassari approvate nel 2012 e che scadranno il 30 settembre 2019. Il rischio è che queste graduatorie non siano mai utilizzate, anche perché gli indirizzi della Direzione generale della Sanità hanno introdotto arbitrariamente condizioni diverse da quelle di legge per lo scorrimento delle graduatorie 2010-2013: hanno stabilito che le Aziende intenzionate a procedere alle assunzioni da scorrimento di graduatoria, debbano avere al loro interno personale delle stesse graduatorie già assunto a tempo determinato. Una beffa per gli assistenti e i collaboratori amministrativi che hanno superato quei concorsi e che rischiano di perdere definitivamente la possibilità di essere assunti a tempo indeterminato, né in AOU, né in altre aziende del Sistema sanitario regionale. "


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo