Sassari. Nuove reti idriche in via Torralba e in via Sanzio

Entrano in funzione le nuove reti idriche realizzate in via Torralba e in via Sanzio a Sassari. Domani, martedì 5 marzo 2019, le squadre di Abbanoa procederanno ai collegamenti delle condotte realizzate nelle ultime settimane al servizio dei quartieri di Baddimanna e Sacro Cuore. L’intervento in via Torralba rientra nell’appalto di efficientamento delle reti idriche in corso nella città finanziato tramite i fondi “Cipe” destinati a opere strategiche nel settore idrico-potabile. Il cantiere in via Sanzio, invece, rientra nel piano delle manutenzioni straordinarie che Abbanoa sta portando avanti con le proprie risorse di bilancio. Per eseguire i collegamenti delle nuove condotte sarà necessario procedere con temporanee interruzioni dell’erogazione in alcune strade: a Baddimanna dalle 8.30 alle 13.30 nelle vie Torralba, Prati, Nulvi, Pozzomaggiore, Ardara, Bonorva, Mores, Florinas, Baldedda e Monte Furru, nel quartiere Sacro Cuore dalle 8.30 alle 16.30 nelle vie Sanzio, Bogino, Buonarroti, Da Vinci, Giotto, Canepa, Veronese, Pavese, Quasimodo, Tintoretto Vecellio, piazza Sancro Cuore e viale Sicilia.


Entrambi i lavori sono finalizzati, oltre che a una drastica riduzione delle perdite, all’ammodernamento delle reti tenendo conto delle problematiche riscontrate negli ultimi anni. Riguardano principalmente la realizzazione di nuove condotte nei tratti dove sono stati registrati frequenti disservizi all’utenza e notevoli perdite di risorsa. Le vecchie tubature erano state realizzate decenni fa con materiali inadatti e ormai del tutto deteriorati. Tutte le nuove condotte sono realizzate in ghisa sferoidale, materiale che garantisce la migliore tenuta. Saranno rifatti integralmente anche gli allacci alle utenze servite che potranno contare, in questo modo, su un servizio più efficiente e pressioni adeguate.Qualsiasi anomalia potrà essere segnalata al servizio di segnalazione guasti di Abbanoa tramite il numero verde 800.022.040 attivo 24 ore su 24. Abbanoa segnala che alla ripresa dell’erogazione l’acqua potrebbe essere transitoriamente torbida a causa dello svuotamento e successivo riempimento delle tubazioni.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo