Presentato il Programma Quadro “SALUDE & TRIGU” della Camera di Commercio di Sassari

Il Programma Quadro promozionale “SALUDE & TRIGU”, che nasce dal dialogo con Associazioni di Categoria, ha l’obiettivo sfidante di favorire il recupero e la valorizzazione delle tradizioni popolari, intese come manifestazioni di particolare richiamo turistico. Per dare valore aggiunto agli eventi del territorio.

Con “SALUDE & TRIGU”, l’Ente camerale interverrà a supporto del sistema economico del Nord Sardegna, con un nuovo approccio che tende a razionalizzare e riconoscere qualità agli eventi e alle feste tradizionali e dare al tempo stesso più appeal alla proposta turistica e culturale anche e soprattutto al di fuori dei confini nazionali.

" Il nostro territorio ha perle di grande valore - è uno degli elementi su cui ha tenuto a porre l'accento il presidente della Camera di Commercio, Gavino Sini - ma è necessario che per poter essere valorizzate e apprezzate al meglio siano tenute insieme, come un collana di grande pregio. Di fatto le nostre manifestazioni ed eventi sono questo, la nostra azione avrà come unico scopo quella di farle conoscere per le loro grandi qualità e farle esprimere al meglio per le loro indiscutibili potenzialità."

Anche perché i numeri, così come nell'analisi di Giaccardi e Associati, aprono orizzonti più che interessanti sotto il profilo degli presenze internazionali in crescita del 50,9% con un +20,7% rispetto al trend delle presenze nazionali.
In particolare sì è potuto notare che gli arrivi internazionali del “prodotto interno”, cioè tutto ciò che non è “prodotto balneare” e che comprende i turismi cosiddetti “esperienziali” come l’offerta culturale, l’outdoor e l’enogastronomica, producono il 37,6% in più di pernottamenti di quelli nazionali (media +1,2 gg).
Gli arrivi internazionali del “prodotto interno” sono solo il 9% del “balneare” (70 mila contro 770 mila circa) ma nel periodo 2013-2017 sono cresciuti del +88%, con valori del +110% nel Sassarese e del +75% nell’area Gallura, nonostante l’assenza di modalità specifiche di promozione e investimenti mirati.
Questi dati consentono di apprezzare la validità della scelta strategica del Programma camerale di valorizzazione turistica degli eventi culturali e di tradizione nel nord Sardegna, soprattutto considerando il fatto che turisti e viaggiatori internazionali sono sempre più alla ricerca di esperienze autentiche radicate nello stile di vita di luoghi attraenti.

Per analizzare lo scenario degli eventi culturali e di tradizione è stata adottata un tecnica di ricerca del tutto simile a quella che qualunque cliente finale o turista interessato utilizzerebbe per scoprire qualcosa di suggestivo, insolito e caratteristico nel nord Sardegna e che lo possa attrarre in periodi dell’anno non di over tourism. Sono state sperimentate circa 70 parole chiave di ricerca che postate su Google in varie combinazioni hanno fatto emergere dal web 78 eventi prevalentemente concentrati primavera ed estate e riguardanti le tipologie “grande tradizione” 5, “identitari” 31, “sagre” 24, “territoriali divenuti importanti” 6 e “aziendali” 12, soprattutto del settore enologico.
Dei 66 eventi “pubblici” purtroppo solo 16 hanno un sito online, in gran parte senza lingue estere, quindi con possibilità (seppure limitate) di essere rintracciabili e accessibili per turisti e viaggiatori. Dalla georeferenziazione dei 66 eventi pubblici, 43 su 66 (65%) sono concentrati nel Sassarese mentre 23 su 66 (35%) in Gallura.

Su queste basi, saranno assi portanti del Programma interventi su rassegne, manifestazioni ed eventi che riflettono culture ed identità precise, radicate nella programmazione culturale del Nord Sardegna, ma anche nuovi eventi purché conformi a standard prestabiliti, individuati sulla base di specifici criteri, per assicurare uniformità e riconoscibilità all'offerta del sistema locale, da individuare come vera e propria destinazione anche e sopratutto nei periodi turistici cosiddetti di spalla.

“SALUDE & TRIGU”, partendo dai contenuti generali del Programma Quadro dopo aver analizzato lo scenario del circuito degli eventi identitari nel nord Sardegna realizzata potendo contare su un'indagine di campo, che coinvolgerà nelle prossime settimane, stakeholder del territorio (sindaci, proloco, organizzatori di eventi e operatori turistici) e tour operator Internazionali, quali attori chiave nel processo di realizzazione e promozione del prodotto turistico dedicato agli “eventi di tradizione”.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo