Il Museo come medium, Daniele Jalla ospite all'Accademia Sironi a Sassari

Conoscere, valorizzare, promuovere, rendere accessibili ma anche percorribili a livello cognitivo, emotivo e fisico i luoghi della cultura.
Sono queste le finalità formative del Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’Arte dell’Accademia di belle arti Mario Sironi che l’8 (dalle 14,30 alle 18) e il 9 marzo (dalle 10 alle 12) ospita Daniele Jalla nell'incontro dal titolo Il Museo come Medium: comunicare, ideare, allestire promosso dalle cattedre di Pedagogia e Didattica dell'arte, ben culturali e ambientali.
L'appuntamento organizzato dall'Accademia Sironi, individua il museo come soggetto attivo nella creazione e nella diffusione della conoscenza e nella nella valorizzazione del suo patrimonio.

Consapevoli che il patrimonio di un museo non può essere ricondotto alla disponibilità di una collezione da esporre, e che il suo valore non è dato solo dall’importanza attribuita alle opere che ospita: intervenire, con capacità di progettazione e coordinamento a livello didattico, comunicativo e gestionale, nelle attività relative alla valorizzazione e al funzionamento interno ed esterno dei ‘luoghi della cultura’.

Storico di formazione, Daniele Jallaha lavorato presso l’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte dal 1980 al 1994 e dal 1994 al 2012 ha diretto i Musei civici e i Servizi museali della Città di Torino.
Dal 2008 è docente a contratto di museologia presso la Scuola di specializzazione in beni demoetnoantropologici dell’Università degli Studi di Perugia, dopo aver insegnato in diversi Atenei italiani dal 1999.
Ha ideato o partecipato alla concezione e realizzazione del Museo della Frutta di Torino, del Museo diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra e dei Diritti e delle Libertà di Torino, del Museo delle Alpi e del Museo delle Frontiere e Fortificazioni Alpine del Forte di Bard.

Presidente di ICOM Italia da 2004 al 2010, ha fatto parte dell’Executive Council di ICOM dal 2010 al 2013, tornando a presiedere il Comitato nazionale italiano dal 2014 al 2016. È ora consigliere nazionale di ICOM Italia.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo