Concerto di beneficenza al Liceo Azuni per l’associazione “I Bambini di Manina del Madagascar"

Venerdì 15 e sabato 16 marzo la professoressa Manina Consiglio, ex docente di lettere e fondatrice nel 2004 dell’associazione no profit “I Bambini di Manina del Madagascar”, sarà a Sassari ospite del Liceo Classico, Musicale e Coreutico “D.A.Azuni”. In collaborazione con il “Rotary Sassari Silky” e con il “Rotaract Sassari”, racconterà la sua lunga esperienza nella comunità di Nosy Be, in Madagascar, a sostegno della popolazione locale negli ambiti dell’istruzione, della sanità e dell’assistenza sociale, illustrando le attività e i traguardi raggiunti anche grazie agli aiuti economici derivanti dai progetti già portati avanti a Sassari, negli anni scorsi, proprio dai rotariani e dagli studenti dell’ “Azuni”. Quest’anno, le classi 3^L e 3^M del Liceo Musicale Azuni hanno iniziato a sviluppare a loro volta un progetto che li ha messi in contatto con gli studenti della scuola di Nosy Be. A sostegno delle attività che vi si svolgono, venerdì 15 marzo alle ore 19, nell’auditorium della sede di via de Carolis del Liceo Azuni, alcuni allievi del corso musicale e coreutico si esibiranno in un concerto spettacolo al quale si potrà assistere con una libera offerta, per contribuire ad una raccolta di fondi che sarà destinata all’associazione “I Bambini di Manina del Madagascar”. Sabato 16 marzo, poi, alle ore 11, nell’aula magna del Liceo Azuni in via Rolando, a Manina Consiglio sarà consegnato il ricavato della serata e, alla presenza di alcune classi del liceo classico, musicale e coreutico, sarà proiettato un filmato che riassume quanto l’ex docente ha finora realizzato per la popolazione dei malgasci, compresa l’assistenza alimentare, visto che spesso l’unico pasto giornaliero viene fornito ai ragazzi proprio a scuola. Nella stessa mattinata, il “Rotary Sassari Silky” e il “Rotaract Sassari” consegneranno a Manina Consiglio una targa in ricordo del progetto grazie al quale, con il contributo di altri club del Distretto 2080 e della “Rotary Foundation”, hanno contribuito a realizzare una scuola anche all’interno del centro di educazione e reinserimento sociale per minori detenuti dell’isola di Nosy Be, affinchè possano continuare a studiare anche in carcere.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo