Emozioni e virtuosismo al teatro Verdi di Sassari con Silvia Chiesa e Maurizio Baglini

Solisti affermati, la violoncellista milanese e il pianista pisano formano anche un duo di eccellenza. Al Teatro Verdi il 14 marzo 2019, ore 21, suoneranno sia come solisti, sia in duo, in un programma che spazia da Bach a Scarlatti e da Mendelssohn a Richard Strauss.Sono solisti affermati, ma amano anche suonare insieme. La milanese Silvia Chiesa è tra le violoncelliste italiane più in vista sulla scena internazionale e in questi anni ha contribuito in modo decisivo al rilancio del repertorio per violoncello del novecento italiano. Il pianista pisano Maurizio Baglini ha una fitta agenda concertistica, una vasta produzione discografica e porta in tutto il mondo originali progetti artistici anche in ambito multimediale.I due musicisti condividono da anni vita privata e artistica e formano un affiatato duo musicale, con un repertorio di oltre 80 Sonate per violoncello e pianoforte e un’importante discografia per l’etichetta Decca. Poche settimane fa al Teatro Rossini di Pesaro hanno festeggiato il felice traguardo di 250 concerti insieme nei cinque continenti: dalla Salle Gaveau di Parigi alla Sala Cecília Meireles di Rio de Janeiro, dall’Accademia di Santa Cecilia di Roma all’Hermitage di San Pietroburgo, dalla Victoria Hall di Ginevra allo Shanghai Arts Center.

Per ascoltarli dal vivo il prossimo appuntamento è al Teatro Verdi di Sassari il 14 marzo 2019 alle ore 21 nella stagione “I grandi interpreti della musica”.  I due artisti si esibiranno sia come solisti, sia in duo, con un programma di grande virtuosismo e impatto emotivo che spazierà dal Barocco al Romanticismo: dalla Suite per violoncello BWV 1009 di Bach alle Sonate per tastiera di Scarlatti L21, L184, L118 e L324, fino alle monumentali Sonate per violoncello e pianoforte op. 58 di Mendelssohn e op. 6 di Richard Strauss.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo