Darwin Pastorin ospite della Biblioteca popolare dello Sport a Sassari

Sabato 23 marzo il giornalista e scrittore Darwin Pastorin sarà a Sassari, ospite della Biblioteca Popolare dello Sport, per presentare il suo ultimo libro, Storia d'Italia ai tempi del pallone, dal grande Torino a Cristiano Ronaldo (CasaSirio Editore), scritto insieme ad Andrea Bozzo. L’evento è organizzato in collaborazione con la libreria Koinè e l’associazione Memoria Storica Torresina.Dalle 17,30 al Quod, in via Mercato 1, Pastorin dialogherà con il giornalista Andrea Sini di storie di calcio di ieri e di oggi. Si tratta del primo evento organizzato dalla Biblioteca Popolare dello Sport, che dopo alcuni mesi trascorsi nello spazio-incubatore del Quod sta per trasferirsi nella sede definitiva.

Il libro. Storia d'Italia ai tempi del pallone, dal grande Torino a Cristiano
Ronaldo (CasaSirio Editore)

Meroni, il ribelle granata, muore investito da un'auto qualche giorno
dopo l'assassinio del mitico rivoluzionario Che Guevara. Il calcio
come strumento per guadagnare consenso politico: dal Comandante Lauro
a Berlusconi. Calciatori belli e adorati come i divi di Hollywood.
Perfino un centravanti capace con i suoi gol di ammorbidire la
protesta degli operai della Fiat. Poi gli eroi di Superga, gli anni di
piombo, calciatori opinionisti televisivi, la Mano de Dios e quel
tocco di saudade obbligatorio quando si parla di calcio. Darwin
Pastorin e Andrea Bozzo ci raccontano la Storia d'Italia attraverso i
ritratti dei calciatori che sono stati specchio e sublimazione di
tutto ciò che è successo nel nostro Paese negli ultimi 70 anni.

Darwin Pastorin è nato a San Paolo del Brasile il 18 settembre 1955.
Giornalista professionista dal 1981 è stato inviato speciale e
vicedirettore di «Tuttosport», direttore responsabile di Tele+ e
Stream, direttore ai nuovi programmi di Sky Sport, vicedirettore e
direttore di La7Sport. Attualmente è direttore responsabile di
Quartarete Tv. Tra i suoi libri Lettera a mio figlio sul calcio,
L'ultima parata di Moacyr Barbosa (Mondadori); Le partite non
finiscono mai, Tempi supplementari (Feltrinelli); e, con il figlio
Santiago, Io, il calcio e il mio papà (Gallucci). Collabora con
quotidiani e riviste. Scrive per il teatro; per la sua attività di
giornalista e scrittore ha vinto numerosi premi.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo