Olbia, nave non sicura bloccata in porto

di SSN
Il personale della Capitaneria di Porto di Olbia, coordinato dal Capitano di Vascello Maurizio Trogu, nell’ambito dell’attività di controllo a bordo delle navi battenti bandiera estera che approdano nel porto di Olbia (Port State Control), ha ispezionato e sottoposto a detenzione la nave da carico a bordo della quale il 21 marzo, un marittimo di origine siriana ha avuto un incidente durante le manovre di ormeggio.
All’unità di 3658 tonnellate di stazza lorda e battente bandiera moldava che proveniva dall’Algeria ed era diretta a Marina di Carrara, adibita al trasporto di marmo, sono stati riscontrati deficit di sicurezza.
In particolare, gli ispettori della Guardia Costiera hanno verificato numerose carenze per quanto riguarda le dotazioni antincendio, oltre a quelle sul piano dei mezzi di salvataggio e delle procedure di manutenzione, tali da rendere la nave mercantile al di sotto dei livelli minimi di sicurezza richiesti dalla normativa internazionale. La piena efficienza di questi dispositivi permette di salvaguardare la vita dell’equipaggio, della nave stessa, nonché dell’ambiente marino e costiero.
La nave è ferma in banchina al porto industriale, e li rimarrà sino alla rettifica delle deficienze riscontrate.
L'attività di controllo è effettuata in aderenza a convenzioni, accordi internazionali e direttive comunitarie sulla salvaguardia della vita umana in mare e della tutela ambientale, volta ad assicurare che i traffici marittimi siano effettuati nel rispetto degli standards sviluppati a garanzia della tutela dell’ambiente marino, dei lavoratori marittimi e della sicurezza della navigazione in generale.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo