L'ATS emetteva i certificati unici ma il professionista non pagava le tasse: scoperto dalla GdF

Nell’ambito dell’azione a tutela delle entrate a contrasto dell’evasione fiscale, le Fiamme Gialle di Sarroch hanno concluso una verifica fiscale nei confronti di un libero professionista operante nel settore sanitario.

L’input per l’attività di controllo scaturisce nell’ambito di una preliminare attività di riscontro di dati estrapolati dalle banche dati in uso al Corpo, che ha permesso di accertare che il professionista verificato operava per l’Azienda per la Tutela della Salute della Sardegna e a fronte di compensi percepiti - per i quali la stessa ATS aveva emesso i relativi certificati unici - il professionista non aveva presentato le dichiarazioni fiscali previste dalla vigente normativa fiscale al fine di provvedere al successivo versamento delle imposte.

L’analisi della suddetta documentazione ha quindi consentito di poter constatare che il soggetto verificato, qualificatosi come evasore totale per le due annualità sottoposte a controllo, ha occultato al fisco, complessivamente, 164.405 euro.

Per il professionista in questione è stata inoltrata proposta alla competente Agenzia delle Entrate di applicazione della misura cautelare finalizzata a tutelare le pretese erariali.

L’operazione si inquadra in un più ampio quadro di intensificazione delle attività di polizia economica - finanziaria disposte dal comando provinciale di Cagliari a tutela degli interessi della collettività che è condizione indispensabile per il raggiungimento dell’equità sociale e conferma l’impegno quotidiano delle fiamme gialle nel territorio a tutela della legalità sotto ogni veste.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo