Sassari. Hanno un nome i ladri di occhiali di piazza Università

Una settimana fa una rapina perpetrata in pieno giorno nella centralissima piazza Università aveva destato grande allarme.Nella circostanza, poco dopo mezzogiorno, due giovani sono entrati in un negozio e, fingendo di essere interessati alla merce esposta in vendita, hanno rubato tre paia di occhiali, occultandoli nelle tasche della giacca e dei pantaloni.Ma un uomo presente nel negozio, fratello della commessa, si è accorto del furto e si è rivolto ai due giovani chiedendo la restituzione degli occhiali sottratti; ne è nata un'accesa discussione, che si è protratta all'esterno dell'esercizio commerciale.I due ragazzi, usciti dal negozio, si sono allontanati di alcuni metri ma, a questo punto, uno dei due giovani è ritornato di corsa verso l'uomo che li aveva scoperti e gli ha sferrato un forte calcio sul fianco sinistro.L'uomo è stramazzato a terra, mentre i due ragazzi si sono allontanati con passo normale, per poi scappare velocemente, dividendosi, una volta lasciata piazza Università.

L'uomo ferito è stato immediatamente soccorso da alcuni passanti, e pochi minuti dopo è stato trasportato in ambulanza al pronto soccorso. Gli sono stati diagnosticati sette giorni di cura. L'aggressore, si è diretto verso viale Italia e, durante la fuga, si è tolto la felpa, verosimilmente, per non essere riconosciuto.Le indagini si sono concentrate sui giovani che frequentano l'area del centro storico e dei giardini. Si sono rivelate molto utili le testimonianze dei numerosi passanti che hanno assistito all'aggressione.
Inoltre, sono risultate ancora una volta preziosissime le immagini registrate dai sistemi di sorveglianza distribuiti su tutta l'area del centro; infatti, grazie alle telecamere sono stati ricostruiti gli spostamenti dei due ragazzi, sia nelle circostanze temporali che hanno preceduto la rapina, ma soprattutto nei momenti dell'aggressione e della successiva fuga.
Un'attività investigativa puntuale che ha permesso di attribuire un'identità ai responsabili della rapina.Ieri, i due giovani, entrambi diciottenni, sono stati intercettati da una pattuglia all'interno dei giardini di via Tavolara e sono stati immediatamente accompagnati al Comando per gli adempimenti di rito.Nella successiva perquisizione eseguita nell'abitazione dell'autore materiale dell'aggressione, è stata recuperata la felpa che il giovane indossava il giorno dell'azione criminosa e, con l'ausilio del cane Thor, sono stati rinvenuti oltre quindici grammi di droga.I due diciottenni dovranno rispondere di rapina impropria.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo