Denunciati due ex funzionari della Z.I.R. Predda Niedda di Sassari per peculato e abuso d'ufficio

Al termine di complesse indagini svolte dalle Fiamme gialle di Sassari, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale del capoluogo turritano, è scattata la denuncia nei confronti di un funzionario del comune di Sassari, al tempo dei fatti nominato temporaneamente dirigente del Consorzio Z.I.R. Predda Niedda di Sassari, e dell'allora commissario liquidatore nominato dalla Regione Sardegna.
L'accusa è di peculato e abuso d'ufficio: i fatti risalirebbero al periodo 2014/16, durante il quale sarebbero state distratte dal dirigente ingenti somme dal bilancio consortile a favore di se stesso e di altri soggetti, in assenza dei presupposti di legge.
Il commissario regionale non risulerebbe aver "intascato" materialmente alcuna somma, ma gli inquirenti ritengono che con il suo comportamento abbia agevolato il compimento dei reati.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo