Educazione al patrimonio museale, i progetti dell'Accademia "Sironi" in Pinacoteca a Sassari

Secondo Guy Tilkin, la dimensione relativa all’educazione al patrimonio culturale assume sempre più rilievo nei contesti educativi e culturali.  Le linee politiche degli organi dell’Unione Europea (Consiglio Europeo e Commissione Europea) e delle organizzazioni mondiali  quali  l’UNESCO,  promuovono  sia la tutela del nostro patrimonio culturale e naturale sia l’utilizzo del patrimonio stesso come strumento per arricchire i processi di apprendimento delle persone, con un’attenzione particolare ai giovani.

La forte crescita di interesse nella funzione educativa del museo è il risultato, da un lato, della ripresa del dibattito su finalità ed efficacia del museo stesso, dall’altro, degli sforzi per potenziare il ruolo educativo – e non solo - dell’istituzione museale nei    territori  e  nelle  comunità.

Tale interesse ha portato alla produzione di un’ampia varietà di servizi, per il pubblico, che attribuiscono al visitatore un ruolo centrale nell’agenda del museo, considerando quest’ultimo come uno degli ambienti più importanti e probabilmente  più  interessanti  sia per l’apprendimento che  per tutti quegli aspetti legati all’educazione al patrimonio culturale; la didattica si configura pertanto come uno degli  elementi essenziali della quotidianità di un museo.

Nascono da questi presupposti le iniziative elaborate dagli studenti del Dipartimento di   Comunicazione e Didattica dell’arte  dell’Accademia di Belle Arti Mario Sironi di Sassari, diretta da Antonio Bisaccia, che hanno progettato percorsi laboratoriali di educazione museale,  legati alle opere esposte, consapevoli che la divulgazione  del patrimonio culturale, nelle sue molteplici declinazioni, presenta  insospettabili opportunità  educative e di formazione estetica.

Gli studenti presenteranno nella sala didattica e nella sala conferenze della Pinacoteca Nazionale di Sassari, proiezioni multimediali di educazione al patrimonio, dai titoli  “La chiesa con le gambe”, Al Museo ci vado anch’io”, risultato quest'ultimo di attività di didattica museale nella scuola primaria Pertini-Biasi. Attività in programma, grazie alla fattiva collaborazione della direttrice Giannina Granara, alla Pinacoteca Nazionale il prossimo 5 maggio dalle 10 alle 12 e dalle 15,30 alle 17,30.

I giovanissimi visitatori  vengono sollecitati a tradurre le suggestioni e le emozioni, percepite durante la fase di osservazione, in personali manufatti che si sviluppano attraverso il gioco, la lettura animata, la scoperta, l’osservazione interattiva, il fare e lo sperimentare molteplici tecniche e linguaggi artistici.

Come sostiene  il coordinatore del Dipartimento, la docente Paola  Pintus: "La formazione degli studenti di questo Dipartimento, grazie ad un piano di studi particolare, è finalizzata alla costruzione di specifiche competenze; la conoscenza, la tutela,  l’educazione al patrimonio, la valorizzazione dello stesso  appaiono con evidenza  strettamente interrelati. Grande attenzione viene  data, nella didattica, alla combinazione fra nuovi linguaggi e nuove esigenze di comunicazione e fruizione del patrimonio artistico nel suo radicamento territoriale e nella dialettica con il paesaggio".  

Per un tipo di offerta formativa caratterizzante:"Il   diploma accademico in  Didattica dell’Arte è orientato a fornire un’ adeguata padronanza dei metodi e delle tecniche comunicative,-aggiunge la Pintus- nonchè l'acquisizione di specifiche competenze storiche, artistiche e   metodologiche, al fine di fornire conoscenze e metodologie di trasmissione e comunicazione delle modalità di realizzazione delle opere d'arte e  della loro interpretazione e fruizione; i corsi hanno inoltre l'obiettivo di fornire adeguata formazione per la gestione di spazi e strumenti per la divulgazione del patrimonio culturale, sia attraverso mezzi tradizionali sia attraverso le nuove tecnologie multimediali, con particolare riguardo al museo e agli eventi espositivi, sia artistici che di divulgazione scientifica e tecnologica."

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo