Presentato il 23° World Tournament “Manlio Selis” Le Coq Sportif Cup

Il primo passo è stato fatto. Ieri c'è stato il battesimo della nuova edizione del Torneo mondiale “Manlio Selis”. All’Hotel Abi d’Oru di Porto Rotondo si sono date appuntamento le delegazioni delle 48 formazioni delle più importanti società professionistiche italiane ed estere e le realtà dilettantistiche di tutto il territorio italiano partecipanti alla 23esima edizione un evento che è stato definito il Mundialito per club per la categoria Esordienti.
Ad accogliere tutti il patron, Enea Selis, che al padre Manlio, conosciuto e apprezzato dirigente e promotore sportivo,  ha voluto dedicare questa manifestazione: «E’ sempre un onore vedere questa platea e iniziare da questo appuntamento  - le parole di Selis- che ci vede a conoscerci in vista dell’inizio del Torneo. Lo dico sempre ma anche quest’anno il livello delle squadre in gara è altissimo e vedere rappresentati tre continenti mi inorgoglisce e credo farebbe piacere a mio padre che è il motivo e il motore che mi ha sempre spinto a portare avanti tutto questo».
La manifestazione è patrocinata dalla Regione Autonoma della Sardegna e dai Comuni che ospiteranno le gare in programma dal 29 maggio al 2 giugno.
La giornalista Stefania de Michele ha dialogato con gli assessori allo sport dei comuni di Olbia, Silvana Pinducciu, di Posada, Matteo Ruiu, e di Calangianus, Claudio Bellu e il sindaco di Siniscola Gian Luigi Farris. Assenti giustificati gli amministratori di San Teodoro.
Da parte delle amministrazioni si è rinnovato l’entusiasmo per una manifestazione che rappresenta ogni anno un anticipo di stagione, grazie alle numerose presenze e alle potenzialità di marketing territoriale offerte dalla vetrina sportiva del Selis.
MAIN SPONSOR. Il Main Sponsor è come sempre la prestigiosa azienda francese Le Coq Sportif, marchio storico dell’abbigliamento sportivo conosciuto in tutto il mondo che, ormai da anni, si è legato alla rassegna calcistica riconoscendone i valori in termini di correttezza, lealtà, fair play. Presenti Stefano Longo e Marco Gerari che hanno ricordato il legame strettissimo con il marchio: «Le coq sportif non è solo uno sponsor del Selis, ma è esso stesso il Selis, tanto è forte il nostro rapporto e tanto importante il messaggio che condividiamo con questa manifestazione eccezionale»
FIGC SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. Presente all’incontro anche il presidente della Figc settore giovanile e scolastico, Vito Tisci: «Grazie per questa eccellenza – le parole del presidente- perché questo torneo riveste un ruolo importante nel panorama europeo e non solo italiano. Al di là della parte agonistica esperienze come queste servono anche a rafforzare lo spirito aggregativo e devo fare il mio plauso ad Enea Selis e alla sua organizzazione per la capacità di continuare nel tempo questa manifestazione. Il torneo è e sarà un vero momento di crescita per tutti i ragazzi e per noi che guardiamo con attenzione ai nostri vivai e ai settori giovanile di base, tornei di questa caratura sono fondamentali». Presente come ogni anno anche la FIGC Sardegna rappresentata dal presidente Gianni Cadoni.
VIDEO SPOT. La conferenza è stata aperta dal Video Spot del Torneo, un piccolo film firmato dal videomaker Alessandro Graffi che racchiude l’essenza della manifestazione, tra passato, presente e sogni di un piccolo calciatore con lo slogan dell’edizione 2019 che è #keepdreaming. Il protagonista è il piccolo Manlio Selis.
I GIRONI E LE SQUADRE. Alle delegazioni di tutte le squadre sono stati svelati  i gironi che comporranno la griglia di partenza della competizione. Squadre professionistiche, italiane ed estere, e formazioni dilettantistiche provenienti da ogni parte dell’isola e da tutta Italia, avranno l’opportunità di sfidarsi sul campo senza limitazioni dovute al peso calcistico delle proprie realtà di provenienza.
Presenti tutte le realtà italiane. Tra le formazioni straniere in lizza per entrare nell’albo d’oro ci saranno le novità assolute dei portoghesi del Benfica, gli spagnoli del Siviglia, i russi del Rostov  e per la prima volta, novità assoluta, una squadra australiana, il Manly United, società della Premier League Oceanica. Tornano il Paris Saint Germain e per la terza volta consecutiva i giapponesi del Kashima Antlers.
LE PREMIAZIONI. Durante la mattinata  si sono alternate le premiazioni a personalità del mondo dello sport che si sono distinte nella scorsa stagione.
Premiati “Il giovane rivelazione dell’anno“, Nicolò Barella, impossibilitato a raggiungere l’evento e che ha mandato un suo saluto con l’auspicio che si possano incontrare al Selis i campioni del futuro.
Premiato come “Responsabile Settore Giovanile italiano” è stato Massimo Bava, dirigente del Torino: «Quest’anno sono 20 anni di carriera come dirigente per me – ha ricordato Bava – sono partito dall’Eccellenza e sono arrivato fin qui. Questo premio mi gratifica moltissimo perché arriva nell’ambito di una manifestazione di valore, non solo dal punto di vista tecnico e sportivo, ma sotto il profilo della partecipazione. Qui siamo tutti in famiglia e non vediamo l’ora che arrivi il Selis per far vivere questa esperienza meravigliosa ai nostri ragazzi»
Il Premio “Responsabile Settore giovanile estero” è andato a Per Agren del Malmoe: «Un grande onore per me – ha detto – e un grande Torneo che aspettiamo tutti ogni anno per poter far immergere i nostri ragazzi in questo mondo di culture diverse, esperienze uniche, rapporti, cibo, paesaggi e lingue differenti. Cose che non capita spesso di vivere».
Il premio “Il Giornalista sportivo dell’anno“ è andato ad Alessandro Alciato di Sky Sport.
Lo speciale premio intitolato al compianto Mario Ruzzu, giovane dirigente scomparso prematuramente a causa della Sla, è andato alla squadra dilettante che si è distinta negli anni. Quest'anno il premio è andato alla Sassari Calcio Latte Dolce.

LE SQUADRE. Tra le 48 squadre partecipanti al Torneo sono 20 le squadre professionistiche partecipanti:
10 straniere – F.C. Benfica ( Portogallo ), KashimaAntlers (Giappone), F.C. Malmoe (Svezia), Paris Saint Germain ( Francia ), F.C. Chertanovo Mosca (Russia), F.C. Rostov (Russia ), F.C. Lugano ( Svizzera ), F.C. Akademia Craiova ( Polonia ), F.C. Siviglia ( Spagna ), F.C. Manly United ( Australia ).
10 italiane - Atalanta, Cagliari, Fiorentina, Milan, Genoa, Juventus, Roma, Torino, Olbia Calcio, Inter.
Sono 28 le dilettantistiche provenienti da 6 regioni italiane: Lombardia (Alcione Milano, Cairatese Milano), Liguria (Vado Ligure), Lazio (Grifone Monteverde, Nuova Tor Tre Teste, Accademia Terracina, Savio Roma), Toscana (Tau Calcio Altopascio, Capezzano Pianore),  Campania ( F6 Salerno ), Piemonte (Mercadante Torino e Lascaris Torino), Sardegna  (Ferrini Cagliari, S.C. Gigi Riva Cagliari, G.S.D. Assemini, La Palma Monte Urpinu, Pol. Latte Dolce  Sassari, G.S.  San Paolo Sassari, Cus Sassari, Siniscola Montalbo, Sant'Elena Quartu,  Porto Rotondo, Sigma Cagliari, Pol. Don Bosco Nulvi, Accademy Alghero, La Salle Monserrato, Quartieri Riuniti Porto Torres, La Pineta Sinnai).
GLI STADI.  Il Comune di Olbia sarà il primo punto di riferimento del Torneo, grazie alle sue tre strutture: lo stadio Bruno Nespoli, lo stadio Angelo Caocci e il campo sportivo Geovillage. Le altre gare dei 12 gironi si svolgeranno al Comunale di San Teodoro, allo stadio di Siniscola, al Comunale di Posada ed al Signora Chiara di Calangianus.
Qui si riverseranno tanti giovani, i colori e gli stemmi di società di tutto il mondo e persone di nazionalità diverse. La sintesi dell’idea di Manlio Selis di uno sport corretto, che parla tutte le lingue e unisce.  

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo