Tre appuntamenti a Villacidro per il "Maggio letterario" della Fondazione Dessì

Tre appuntamenti a Villacidro (Sud Sardegna) all'insegna del "Maggio letterario": ritorna la consueta iniziativa di primavera promossa dalla Fondazione "Giuseppe Dessì" (organizzatrice dell'omonimo Premio Letterario, quest'anno alla trentaquattresima edizione, in calendario dal 23 settembre al 2 ottobre prossimi), nella sua sede al civico 65 di via Roma, in quella che fu la casa di famiglia dello scrittore di "Paese d'ombre".
 
Si parte questo sabato (18 maggio), alle 18.30, con la presentazione della grammatica "Su Sardu Standard / Il Sardo Standard", pubblicata di recente da Alfa Editrice. Un comitato scientifico di ricercatori che lavorano quotidianamente con la Lìngua Sarda, operatori di sportello, docenti, traduttori e semplici attivisti per i diritti linguistici, propongono una norma ortografica, cioè un solo alfabeto per scrivere tutto il Sardo e uno standard linguistico a doppia norma: una proposta di standard che prende dunque in considerazione il Sardo campidanese e il Sardo logudorese/nuorese, in conformità con quanto già affermato da tempo dalla scienza accademica, e cioè che il Sardo è un'unica lingua, ma espressa in due macrovarietà. A trattare l'argomento e presentare l'opera, dopo i saluti del sindaco di Villacidro Marta Cabriolu e del presidente della Fondazione Dessì Paolo Lusci, saranno il coordinatore del comitato scientifico de s'Academia de su Sardu ONLUS Stefano Cherchi e l'assessore alla Cultura e alla Lingua Sarda del Comune di Villacidro Giovanni Spano, rispettivamente coordinatore e coautore di "Su Sardu Standard".
 
Di lingua, ma in questo caso di quella italiana, si parlerà anche sette sere dopo, sempre alle 18.30, in una conversazione con Giorgio Kadmo Pagano. "Per l'internazionalizzazione della e nella lingua italiana" è il titolo dell'incontro - organizzato in collaborazione con il Lions Club di Villacidro - con il pittore, scultore, architetto, esperto di economia linguistica, da tempo impegnato perché l'arte, la lingua e la cultura italiana non scompaiano; un impegno che nel 2014 l'ha portato a condurre uno sciopero della fame di cinquanta giorni, in auto davanti al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e Ricerca, e, due anni dopo, alla pubblicazione del saggio "Come divenire la super potenza culturale che si è", che presenterà sabato 25 con interventi di Paolo Lusci, del sindaco Marta Cabriolu, e di Franco Gioi (presidente) e Marco Cherchi del Lions Club di Villacidro.
 
Per il suo terzo e ultimo appuntamento il "Maggio letterario" della Fondazione Dessì sconfina di poco nel mese di giugno: domenica 2, alle 21, si accendono i riflettori sulla compagnia teatrale La Maschera, in scena con "Federico García Lorca", uno spettacolo di Nino Landis dedicato al grande poeta spagnolo (fucilato nel 1936 per le sue idee liberali dalle milizie fedeli a Francisco Franco, durante la guerra civile di Spagna). Sul palco di Casa Dessì, insieme allo stesso Landis, un cast formato da Enzo Parodo, Valentina Trincas (danza), Erminia Contu (canto), Carlo Plumitallo (percussioni) e Carlo Mura (chitarra), con l'assistenza tecnica e video di Peppe Pili.
 
Per questo, come per gli altri appuntamenti del Maggio Letterario, l'ingresso è libero e gratuito. Informazioni e aggiornamenti alla pagina Facebook (www.facebook.com/PremioLetterarioGiuseppeDessi) e nel sito della Fondazione Dessì (www.fondazionedessi.it).

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo