Olbia: appello per l'adozione dei cani rinchiusi nei canili

 (foto: Ufficio stampa Comune di Porto Torres)
(foto: Ufficio stampa Comune di Porto Torres)
“Lunatico” ha diciotto anni, è un meticcio di color rame e ha passato la maggior parte della sua vita in canile. Ma da ieri ha una nuova casa in un piccolo comune della Gallura e la sua nuova padrona è pronta a dargli tutto l’affetto e l’amore che a lui sono sempre mancati. Quella di “Lunatico” è una storia a lieto fine, ma sono centinaia i cani rinchiusi nei canili e che chiedono solo amore. Ed è per questo che il Servizio Veterinario dell’Ats-Assl Olbia lancia un appello per l’adozione di un cane proveniente appunto dai canili.

In particolare, il Servizio Veterinario dell’Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche dell’Ats-Assl Olbia invita la popolazione ad adottare un animale del canile “Europa” che al suo interno ospita 430 cani, tra cuccioli e nonni come “Lunatico” che , dopo anni di canile, lo ha appena lasciato grazie alla collaborazione tra Ats-Assl Olbia e le amministrazioni comunali.

Il Canile “Europa” di Olbia è sottoposto ormai da alcuni mesi a sequestro preventivo emesso dal Tribunale di Tempio Pausania ed è stato affidato da quest’ultimo all’Ats-Assl Olbia; questo procedimento però non impedisce l’adozione degli animali, ed è per questo che i Veterinari lanciano l’appello odierno.

Il percorso è semplice:
è sufficiente inviare una richiesta all’indirizzo animali.affezione.olbia@atssardegna.it (corredata da modulo, copia di documento di identità e codice fiscale della persona che vuole accedere alla struttura).
Il Servizio Veterinario comunicherà data ed orario della visita in cui sarà possibile visionare tutti gli animali del canile e scegliere quello da cui si rimane colpiti.
Informazioni e percorsi possono esser concordati anche con i Comuni, custodi giudiziari dei cani presenti nel canile Europa.

Tutti gli animali escono dal canile microchipati.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Ufficio stampa Comune di Porto Torres)