PUBLIREDAZIONALE

Caldo torrido e condizionatore: come risparmiare energia e salvare la bolletta

Il periodo estivo è alle porte e come sempre è in arrivo il caldo torrido e afoso, quello che porta inevitabilmente ad accendere i condizionatori negli uffici e negli appartamenti per rendere gli ambienti freschi e vivibili.

Utilizzare al meglio il condizionatore è un fattore importante sia per la propria spesa energetica, limitando i consumi nella bolletta, sia per la salute delle persone, poiché una temperatura troppo bassa può generare sicuramente problematiche ai bronchi e alle vie respiratorie.

Dal punto di vista dei consumi, questi impianti hanno un consumo che si aggira tra i 400 e 500 chilowattora per 500 ore di funzionamento, pertanto andranno utilizzati solo nei momenti di bisogno effettivo, al fine di non trovarsi spese esagerate nella bolletta.

I condizionatori sono degli elettrodomestici fortemente necessari nel periodo caldo, e oggi possono essere installati e gestiti anche attraverso soluzioni comode e vantaggiose, come l’offerta del climatizzatore E.ON, che comprendono l’installazione, la manutenzione e la gestione delle pratiche per l’ottenimento delle detrazioni spettanti.

Per evitare problemi di consumi è bene mettere in pratica dei semplici consigli, il primo è quello di scegliere dei condizionatori che abbiano una classe energetica non inferiore alla A.

Hanno un costo maggiore, ma l’investimento iniziale è ammortizzato nelle bollette in termini di risparmio sui consumi, con apparecchi che permettono una riduzione del 30% sui consumi energetici.

Importante è anche la collocazione del condizionatore, quest’ultimo deve essere posizionato in alto, in modo tale che l’aria scende e garantisce una migliore efficienza di raffreddamento.

Altro consiglio è di non esagerare con le basse temperature, la differenza tra interno ed esterno deve essere di sei gradi, questo per garantire un maggiore risparmio in bolletta e al contempo evitare grossi sbalzi al proprio corpo.

Sempre ai fini della salute è bene controllare i filtri almeno una volta all’anno, un’operazione importante sia per contenere i consumi sia per garantire un’elevata qualità dell’aria che si respira negli ambienti.

Di notte è bene limitare il numero delle ore di funzionamento del condizionatore, e nel caso di utilizzo affidarsi alla funzione “notte” oppure programmando lo spegnimento dello stesso con un timer.

Nel caso di ambienti che non sono direttamente esposti al sole, meglio installare un sistema di raffreddamento invece di un condizionatore, oppure utilizzare le funzioni di deumidificazione, utile per garantire all’interno degli ambienti un’aria più secca e confortevole.

Infine è bene ricordare che nel caso di un caldo non eccessivo, è possibile utilizzare la tecnica delle correnti d’aria all’interno degli ambienti, un raffreddamento naturale che può essere creato semplicemente aprendo due porte in modo che si crei tale effetto corrente.

Mettendo in pratica questi semplici e pratici consigli è possibile utilizzare il condizionatore in modo salutare, risparmiando inoltre sulle spese che ne conseguono in bolletta.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo