Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl "Soddisfazione per l'accordo sindacale sul Policlinico sassarese"

"Le segreterie territoriali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, esprimono viva soddisfazione in ordine al provvedimento congiunto degli Assessorati regionali alla sanità e del lavoro. Atto che garantisce ammortizzatori sociali attivi per più o meno 120 lavoratori almeno sino a dicembre p.v. e per circa mille euro mese (gli altri lavoratori rimarranno in forza al policlinico in quanti utili all’esercizio provvisorio), scongiurando per il momento il licenziamento dei professionisti della casa di cura. La delibera è il proseguo di una vertenza durissima ed è la seconda pre-condizione per mantenere aperta l’azienda dopo le misure a sostegno del reddito “FIS” ormai giunte alla scadenza. A questo proposito e grazie all’accordo sindacale sottoscritto a fine dicembre dello scorso anno tra le scriventi Organizzazioni sindacali, la Confindustria di Sassari e il Policlinico Sassarese, mercoledì 29 u.s. le lavoratrici e lavoratori hanno finalmente ricevuto dall’Inps le quote FIS relative alle mensilità di gennaio, febbraio, marzo e aprile.
Con il provvedimento regionale pertanto si apre una nuova strada verso la salvezza del Policlinico Sassarese, un risultato preceduto da una serie di iniziative sindacali, sfociate poi nell’incontro svoltosi a Cagliari lo scorso 15 maggio nella sede dell’Assessorato al lavoro, congiuntamente all’Assessorato alla sanità. Incontro che ha permesso di condividere soluzioni pratiche e funzionali agli obiettivi sui quali tutte le parti hanno manifestato l’interesse non solo di salvaguardare e tutelare il lavoro e le professionalità, ma anche e soprattutto gettare le basi per creare condizioni ed opportunità affinché la casa di cura meriti una seconda possibilità, tradotto valorizzarla per quello che negli anni ha dato e certamente continuerà a dare attraverso un vero piano di salvataggio finalizzato a restituire alla città gli 88 posti letto ed il budget di circa 10 milioni di prestazioni sanitarie ospedaliere.
Naturalmente la strada è ancora lunga, tuttavia e da subito prenderemo contatti con gli Assessorati per costruire insieme un ulteriore accordo sul dettaglio e le modalità di utilizzo delle preziose professionalità, in attesa che si concluda il procedimento fallimentare con l’ingresso di un nuovo partner capace di rilanciare la casa di cura e riassorbire tutti i lavoratori. STRAORDINARIO IL LAVORO DEGLI ASSESSORI competenti che hanno dimostrato grande sensibilità, insieme al CURATORE Dott. Ceresa, alla Direzione dell’INPS e a CONFINDUSTRIA, senza la qual non saremo arrivati sino a qua.Questa è la dimostrazione che quando le parti sociali, il territorio e le istituzioni si mettono insieme per grandi questioni, senza seguire piccoli o grandi interessi di gruppi e botteghe , si riesce ancora a tutelare i cittadini e i lavoratori."






© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo