Muravera, scoperta dalla GdF evasione fiscale da 200.000 euro

Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, le Fiamme Gialle della Tenenza di Muravera hanno concluso una verifica nei confronti di un’impresa edile del basso Sarrabus.

Il target selezionato è stato individuato a seguito di specifica opera di intelligence che ha coniugato le risultanze dell’attività di controllo economico del territorio e l’analisi delle numerose informazioni contenute nelle banche dati del Corpo.

Il controllo operato dai Finanzieri si è basato sull’analisi dei documenti contabili acquisiti all’avvio dell’attività ispettiva e sull’incrocio con i dati ritraibili dalle dichiarazioni presentate e da quelli reperiti presso i soggetti in rapporti economici con l’impresa verificata.

A conclusione dall’attività ispettiva è emerso che il soggetto controllato, attraverso l’occultamento di parte delle fatture emesse e ricevute, nel triennio 2014-2016 ha sottratto a tassazione ricavi per complessivi 197.076 euro e un’IVA pari a 35.867 euro.

Il titolare della ditta, oltre che alla competente Agenzia delle Entrate per la successiva attività di accertamento, è stato anche segnalato alla locale Autorità Giudiziaria per aver occultato nel corso della verifica fiscale 13 fatture in violazione dell’art.10 del D. Lgs. 74/2000 che punisce la condotta di chi occulta o distrugge - in tutto o in parte – le scritture contabili o i documenti di cui è obbligatoria la conservazione, in modo da non consentire la ricostruzione dei redditi e del volume d’affari.

L’intervento ispettivo si inserisce nel più ampio ed articolato complesso delle attività finalizzate al contrasto dell’evasione fiscale, fenomeno che produce effetti negativi per l’economia, ostacola la normale concorrenza tra imprese, danneggia le risorse economiche dello stato ed accresce il carico fiscale per i cittadini onesti.






© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo