PORTO TORRES

Pesca abusiva nell'Area Marina Protetta dell'Asinara, denunciati dalla Guardia Costiera 3 pescatori

 (foto: Capitaneria di porto di Porto Torres)
(foto: Capitaneria di porto di Porto Torres)
Nell’ambito di un’operazione di polizia marittima all’interno dell’Area Marina Protetta dell’Asinara, la Guardia Costiera di Porto Torres ha sventato nella notte un’attività di pesca abusiva perpetrata da tre pescatori sportivi, che sono stati intercettati e denunciati.
Un’unità navale della Guardia Costiera turritana, specializzata nel contrasto alla pesca illegale, durante l’attività di pattugliamento ha intercettato un gommone che navigava a luci spente con tre persone a bordo, impegnate in attività di pesca nello specchio acqueo antistante il tratto di costa compreso tra Punta “Li Giorri” e Punta “Barbarossa” ricadente nella Zona “B” (riserva parziale) dell’Area Marina Protetta.
Alla vista dei militari, i pescatori abusivi hanno tentato di darsi alla fuga approfittando del buio della notte e delle numerose cale presenti sull’Isola. Di qui ne è nato un inseguimento, nel corso del quale gli “abusivi” si sono disfatti del pescato e delle attrezzature gettando tutto a mare. A nulla però sono serviti i tentativi di fuga, in quanto i militari della Guardia Costiera, dotati di un potente visore notturno, hanno costretto il gommone ad arenarsi in una zona di basso fondale, bloccandone così la corsa.
I tre soggetti intercettati sono stati immediatamente deferiti all’Autorità Giudiziaria di Sassari per aver violato il divieto di pesca all’interno del sito marino protetto, per non essersi fermati all’alt dei militari e per aver navigato a   luci spente, mettendo così a repentaglio la propria e l’altrui incolumità. L’attività portata a termine dalla Guardia Costiera ha evitato che pregiati prodotti ittici finissero nelle tavole dei consumatori attraverso canali illeciti.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Capitaneria di porto di Porto Torres)