Azienda edile evade il fisco per quasi 200mila euro

Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, le Fiamme Gialle della Tenenza di Iglesias hanno concluso un’attività di verifica nei confronti di una società operante nel Sulcis Iglesiente nel settore edile.

L’input operativo scaturisce nell’ambito di una preliminare attività di controllo del territorio e da una successiva attività di riscontro dei dati estrapolati dalle banche dati in uso al Corpo.
L’azione dei finanzieri è stata orientata alla verifica del corretto assolvimento degli obblighi delle disposizioni tributarie vigenti.

L’opera di ricostruzione del volume d’affari è stata effettuata mediante l’esame analitico della documentazione fiscale esibita dal contribuente all’atto dell’avvio della verifica e di quella che è stata acquisita attraverso controlli incrociati eseguiti nei confronti delle società con cui ha intrattenuto rapporti commerciali l’azienda verificata.

Le operazioni di controllo hanno permesso di appurare che l’azienda, per le annualità 2016 e 2017, pur avendo presentato regolarmente le dichiarazioni annuali, ha indicato costi indeducibili per un ammontare complessivo pari a 190.000 euro. Le scelte operate dalla verificata nella contabilizzazione delle componenti negative contestate, le hanno permesso di abbattere sensibilmente il reddito imponile, incidendo notevolmente sul pagamento dell’I.R.E.S. e dell’I.R.A.P.. Le fiamme gialle hanno accertato anche un’imposta dovuta ai fini IVA pari a 13.000 euro, derivante dall’illegittima detrazione di imposta su alcuni costi sostenuti. La società, pertanto, si è resa responsabile della presentazione infedele delle dichiarazioni annuali ai fini II.DD., I.V.A. ed I.R.A.P..

L’azione dei Finanzieri, inoltre, è stata orientata anche all’accertamento dell’impiego di lavoratori “in nero” o irregolari, nonché alla verifica degli adempimenti previsti dalle normative fiscali relativi alla tenuta delle scritture contabili da parte del datore di lavoro quale sostituto d’imposta e sulle ritenute operate dalla stessa azienda sui redditi da lavoro corrisposti ai dipendenti. L’attività ispettiva ha permesso di rilevare l’omesso versamento delle ritenute d’acconto ai fini IRPEF operate sulle buste paga a fronte di stipendi corrisposti al personale dipendente, per un importo complessivo pari a 63.000 euro.

L’operazione si inquadra in un più ampio quadro di intensificazione delle attività di polizia economica - finanziaria disposte dal Comando Provinciale di Cagliari, a tutela degli interessi della collettività - condizione indispensabile per il raggiungimento dell’equità sociale - e conferma l’impegno quotidiano delle Fiamme Gialle nel territorio a tutela della legalità sotto ogni veste.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo