Sardegna turismo: si preannuncia una stagione nera, crollano prenotazioni e presenze

 (foto: Ufficio stampa Agriturismo.it)
(foto: Ufficio stampa Agriturismo.it)
Previsioni nere per la stagione turistica in Sardegna. Secondo un’indagine dell'Osservatorio di Federlberghi  realizzata attraverso questionari online – condotta dal responsabile scientifico Giacomo Del Chiappa, professore di marketing del dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Sassari -  la riduzione delle presenze estive sarà drastica.

PRESENZE E PRENOTAZIONI. Secondo il 24,2 per cento del totale del campione intervistato, tra operatori del settore alberghiero ed extra-alberghiero, il numero dei turisti nel 2019 è il calo  di oltre il 10% rispetto allo scorso anno. La diminuzione si attesterà invece tra il 5% e il 10% per un operatore su cinque (19,9%). Prevede un incremento di presenze solo l'8% degli intervistati.
A giugno 2019 si può già fare un primo bilancio delle prenotazioni. Il senti-ment è negativo per il 56% degli addetti ai lavori: registra  una diminuzione il 57,5% degli operatori del settore alberghiero, dato che si attesta al 55,1% per i colleghi dell'extra-alberghiero. Prenotazioni in linea con lo scorso anno per appena il 23,3% delle strutture ricettive.

PERSONALE. Nonostante non ci siano grandi aspettative tra i professionisti del settore turistico, l'indagine  dimostra che rimarrà stabile il numero dei dipendenti: l'83,5% degli intervistati conferma l'organico del 2018.

LE CAUSE. La ricerca dell'Osservatorio di Federalberghi Sardegna ha indagato anche su quali siano, secondo gli operatori turistici, le cause delle difficoltà annunciate per la stagione 2019. Attribuendo ai fattori un peso che va da 1 (per niente) a 5 (moltissimo), l'influenza maggiore è da attribuire alle difficoltà dell'accessibilità via mare (punteggio 4,12) e a quella dei collegamenti aerei  (3,94). Elevate criticità vengono registrate anche nel rapporto tra pubblico e privato e nelle politiche di governance turistica.

ABUSIVISMO E SOMMERSO. Una delle più rilevanti criticità, comunque, resta il dilagare del fenomeno dell'abusivismo nel settore della ricezione turistica. Secondo un’indagine realizzata dall’ufficio studi di Federalberghi Sardegna nel mese di aprile  di quest’anno si contavano già 31.676 posti in vendita su Airbnb. A dicembre del 2018 erano 30.094 mentre erano solo 25.110 nello stesso mese del 2017 e 12.896 nel 2016. Un incremento vertiginoso – nel quale Olbia la fa da padrona con 2.379 annunci, seguita da Alghero con 1998 e Cagliari città con 1770 – che non riguarda alloggi condivisi.

FEDERALBERGHI. “L’attività, che ormai rappresenta un vero e proprio business, è diventata una piaga per il sistema economico”, spiega Paolo Manca, presidente di Federalberghi Sardegna, “riscontriamo un evidente squilibrio in termini di ricadute derivate dalla situazione di irregolarità legata al sommerso. Ribadiamo da anni che servono nuove regole per proteggere il consumatore, la collettività, i lavoratori, e il mercato. Ma a poco servono le buone regole se non ci sono buoni controlli, e purtroppo esistono anche le regole obsolete che non servono più: se non servono vanno eliminate”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Ufficio stampa Agriturismo.it)