PUBBLIREDAZIONALE

Falegnameria per principianti: alcuni consigli pratici

Lavorare il legno regala sempre grandi emozioni e soddisfazioni. Ed è proprio per questo che molte persone decidono di farne un vero e proprio hobby. Non bisogna pensare, però, che ad avvicinarsi al mondo della falegnameria siano solo gli uomini, in quanto non è così. Infatti, negli ultimi anni sempre più donne si sono dimostrate interessate ad apprendere tutti i segreti di questo meraviglioso materiale.
Ma come fare per iniziare da zero? Di fatto, è necessario tenere conto di alcuni aspetti fondamentali. Prima di tutto è indispensabile disporre di strumenti variegati, in modo da poter svolgere diverse operazioni, come piallare, lisciare, incidere, forare e segnare. Nello specifico, è fondamentale avere a portata di mano strumenti di base, come metro a nastro, martello, cacciaviti, chiavi inglesi e così via, ma anche di utensili un po' più specifici, quali il trapano avvitatore, la sega, gli scalpelli, le raspe, la carta vetrata, la morsa da banco ed il seghetto alternativo.
Tuttavia, nel tempo mi sono reso conto che per creare scanalature di diverso tipo, per realizzare incastri, per forare con precisione ed effettuare sagomature ho usato una fresatrice verticale. Infatti, si tratta di un arnese indispensabile, in grado di rendere possibile l'impossibile.
Conservare al meglio gli strumenti di lavoro
Un'altra cosa su cui è necessario focalizzarsi è la conservazione degli attrezzi. Infatti, per avere a disposizione strumenti sempre perfettamente funzionanti, è fondamentale preservarli in luoghi asciutti, in modo da evitare che arrugginiscano e che si rovinino. Alcuni, poi, devono essere riposti in una posizione specifica, mentre altri sono talmente piccoli che hanno bisogno di uno scomparto preciso, in modo da poterli ritrovare senza problemi.
Per tutte queste ragioni è fondamentale abbandonare la vecchia cassetta degli attrezzi ed optare per un banco da lavoro, da posizionare in un luogo dedicato. Non lo vuoi acquistare? C'è chi, come me, lo ha realizzato da solo, dopo aver acquisito un po' di esperienza. Inoltre, è necessario anche dotarsi di cassettiere e mensole, in modo da individuare tutto con un solo colpo d'occhio.
Esercitarsi molto ed avere voglia di imparare
Come recita un vecchio detto: "la pratica fa il maestro". Ed è proprio vero per quanto riguarda la falegnameria. Di fatto, è necessario avere pazienza e non scoraggiarsi, poiché lavorare il legno non è affatto semplice. Se non si ha la possibilità di affiancarsi ad un maestro, è bene leggere articoli specialistici e guadare i tutorial presenti in rete, in modo da affinare la tecnica ed apprendere tutti i segreti del mestiere. Tuttavia, è solo provando e riprovando, che è possibile raggiungere un buon livello.
Inoltre, bisogna imparare ad essere il più possibile precisi, in quanto in molti lavori anche un piccolo scarto può fare la differenza. Infine, non bisogna dimenticare di lavorare sempre in sicurezza, in modo da evitare di farsi male e di andare incontro a situazioni spiacevoli. Cosa vuol dire? Imparare ad indossare i sistemi di protezione (guanti, maschere, occhiali, scarpe antifortunistica, ecc.), non tenere i cavi per terra quando la superficie è bagnata ed imparare ad utilizzare gli strumenti da lavoro al meglio.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo