Sassari. Per Desirè Manca è "allarme sanità"

“La sanità del nord ovest della Sardegna è al collasso: impossibile fare ancora finta di niente, necessario dare risposte certe e soluzioni definitive ai problemi generati dalla scelleratezza dell’ultima riforma sanitaria”. Lucido e perentorio il pensiero di Desirerei Manca, capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Consiglio regionale. Pensiero trasformato in interrogazione e recapitato direttamente al tavolo dell’assessore regionale all’Igiene e Sanità e dell’Assistenza sociale. Necessaria la sottolineatura su Sassari: “A Sassari, nel secondo hub dell’Isola, quello che doveva essere una eccellenza comprensiva dei due centri più importanti dell’intera Sardegna, sono a rischio le nascite. Parliamo di Sassari, della seconda città della Sardegna. Nessuno può dimenticarlo”.
“Sembra quasi che non si vogliano aprire gli occhi per paura di trovarsi di fronte il disastro che ha messo in ginocchio la sanità del nord ovest dell’Isola. La sala parto dell’AOU sassarese - unico hub di secondo livello del nord  Sardegna - causa mancanza di numerose figure professionali fra ostetriche, infermieri e personale di supporto arrivando sino ai perfusionisti, non è al momento in grado di garantire né la copertura dei turni né le ferie, per cui risulta difficile l’erogazione dei livelli essenziali di assistenza (LEA). Identici disagi, sempre in riferimento alla mancanza di figure professionali ad hoc si riscontrano al Pronto Soccorso e all’Ospedale Marino di Alghero, un tempo fiori all’occhiello della sanità sarda e oggi, con personale ridotto ai minimi termini, vessati da un ulteriore carico di lavoro derivante dall’estate e dalla conseguente presenza dei turisti”.
Un quadro che non lascia scampo: “Secondo l’OCSE, relativamente alle professionalità infermieristiche, in Sardegna mancano 4.540 unità, che considerando i pensionamenti previsti diventeranno circa 6mila entro fine anno - prosegue Desirerei Manca -. La riforma sanitaria sarda, perseguendo meri obiettivi di budget, ha causato una situazione estremamente negativa nel nord Sardegna e nell’Isola tutta: questo è indiscutibile e orami sono gli occhi di tutti, addetti ai lavori e cittadini. Mi chiedo allora se l’assessore sia a conoscenza della situazione. E gli chiedo quali azioni intenda attivare per risolverla. Risolverla in tempo stretto e debito, in modo da far sì che l’offerta sanitaria nel nord dell’Isola sia adeguata alla domanda”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo