CALCIO GIOVANILE

La NAGC Sardegna si aggiudica la Oranje Cup in Olanda

Prestigioso risultato perl NAGC Sardegna che in finale batte per 2-1 il VFB Hilden, un club dell’Elite Giovanile Tedesca e porta in Sardegna l’ambito trofeo. Il lavoro di assemblaggio svolto da Mario Bassi nei mesi precedenti la manifestazione ha dato i frutti sperati. La conferma in blocco del gruppo che aveva ben figurato la scorsa estate in Spagna con l’aggiunta di alcuni elementi di qualità ha pagato. A Luca Bellu, Samuel Lapegna, Lorenzo Baldari della San Paolo SS, Michele Spano e Daniele Quattro dell’Olbia 1905, Nicolò Decandia del Budoni Calcio si sono aggiunti i due sanpaolini Simone Leoni e Francesco Cadoni, nonché il portiere Mario Piana del Castelsardo. A dirigere le operazioni dalla panchina è stato chiamato Mister Renato Fele assistito dal dirigente Antonello Bellu (entrambi S,Paolo SS). La squadra è partita bene, vincendo all’esordio (2-1) dopo aver subito un goal a freddo. I goal che son valsi i primi tre punti in classifica li hanno siglati Spano e Cadoni. Rotto il ghiaccio, i ragazzi han giocato con più serenità e nel secondo match hanno vinto con un rotondo 3-0. A dispetto di quanto faccia credere il risultato finale, è stata una gara tosta con qualche colpo proibito e diversi cartellini gialli equamente distribuiti dal direttore di gara. Nel referto arbitrale, alla voce marcatori ci sono ancora Spano, Bellu e Quattro. Le due gare successive ci danno due pareggi sofferti, entrambi col punteggio di 1-1 (in goal ancora Spano che realizza la rete più bella del torneo e Cadoni) che ci garantiscono l’accesso alla finalissima dove ritroveremo i tedeschi che ci hanno fatto soffrire nella fase a gironi. Si tratta del VFB Hilden, una squadra dell’Elite Tedesca proveniente dalla Renania Westfalia. Il prologo alla finale, che si gioca alle 13:30 con 40° all’ombra, è emozionante : le squadre fanno il loro ingresso in campo sulle note di “We will rock you” dei Queen e lo speacker dello stadio scandisce nomi e cognomi dei protagonisti prima di far partire gli inni nazionali. E’ l’ennesima Italia/Germania di una serie infinita che il più delle volte ci ha visto prevalere. Dopo la fase di studio iniziale, la squadra sarda va sotto di un goal e sembra soffrire il maggior tasso tecnico dei tedeschi, ma quando riparte e affonda da la sensazione di poter far male. In questa fase, l’estremo difensore si mette in luce con alcune parate straordinarie che tengono la squadra in partita. Subire il secondo gol significherebbe dire addio ai sogni di vittoria. Così, si limitano i danni e si va all’intervallo sotto di uno. Nella ripresa il canovaccio non cambia ma la maggior fisicità dei sardi ha il sopravvento e in pochi minuti i ragazzi di Mister Fele assestano l’uno/due che schianta i tedeschi. A pareggiare i conti ci pensa Decandia che gira in rete un traversone di Bellu. I tedeschi accusano il colpo e subito dopo subiscono il colpo del ko. E’ ancora Bellu, imprendibile sulla fascia, a seminare gli avversari e mettere al centro una palla sulla quale arriva puntuale Samuel Lapegna che gonfia la rete da sottomisura. La timida reazione dell’Hilden si spegne sul triplice fischio finale che sancisce la vittoria della Nagc. Come anticipato in apertura, finisce 2-1 per la squadra sarda, coi tedeschi sconsolati e costretti ad incassare l’ennesima sconfitta al cospetto di una squadra italiana. Nagc Sardegna iscrive così il proprio nome nell’albo d’oro dell’Oranje Cup e Mario Piana si porta a casa il premio per il miglior portiere del torneo.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo