PUBBLIREDAZIONALE

Il soppalco: un privé in casa, in ufficio e al negozio

Un soppalco per amico
Chi dice “soppalco”, al giorno d’oggi, non dice più ‘’disbrigo’’, “studiolo disordinato”, recupero maldestro di superficie e volume …

Oggi, soppalcare è una vera e propria arte.

Soprattutto nel caso di appartamenti di città, il soppalco rappresenta il vero valore aggiunto di un monolocale, di un bilocale o di un ambiente della casa che si voglia ben dotare di “movimento”.

Il soppalco non è soltanto una questione di spazio in più … Il soppalco dinamizza un locale, oltre ad offrire una possibilità di duplice prospettiva, all’interno dello stesso.

Immaginiamo un negozio di libri: la disponibilità di uno spazio in altezza può corrispondere all’esigenza di isolamento dei riflessivi acquirenti di libri …

In un altro genere di commercio, invece, il soppalco può corrispondere alla zona di prova …

All’interno di uno studio privato, un professionista può voler isolarsi in alto, per elaborare idee e portare a termine delle fasi più delicate del proprio lavoro, ridiscendendo poi ad interagire con colleghi o clienti.
E a casa?

In un’abitazione, grande o piccina che sia, il soppalco assolve ad una duplice esigenza: circoscrivere un’area, elevandola rispetto all’ambiente circostante e, com’è ovvio, incrementare il volume e la superficie disponibili nell’insieme.

In casa, un soppalco può consentire di lasciare dei documenti sulla scrivania, in corso di utilizzo. Essi saranno protetti da sguardi indiscreti di ospiti o da iniziative eventualmente inopportune da parte di bambini …

Viceversa, potranno essere proprio i bambini – ovviamente non troppo piccoli – a giovare di questo spazio “magico”, per restare al contempo nella stessa stanza dei genitori – per esempio il living – pur godendo di una superficie propria da gestire a piacimento, scevra dalla ‘’contaminazione’’ adulta.

Soppalco… e resto del mondo: il collegamento

Le scale per soppalchi sono il grosso nodo tematico da sviscerare qualora si progetti di dar vita ad un ambiente dedicato e selettivo, all’interno di un locale.

Il modo in cui un ambiente si lega ad un altro è estremamente rilevante.

Le scale per soppalchi, infatti, hanno questa duplice caratteristica: esse assolvono ad una funzione indispensabile: arredano l’ambiente, connotandolo in modo incontrovertibile.

L’interazione tra superfici e tra volumi non è solo questione di tecnica ingegneristica, di resistenza ed affidabilità delle strutture. In gioco c’è sempre, anche, lo stile.

Chi dice scale per soppalchi, infatti, dice implicitamente un sacco di altre cose: cura del dettaglio, amore per la precisione, attenzione al potenziale di ogni centimetro cubico.
Le scale per soppalchi, oggigiorno, godono dell’estro di disegnatori ed artigiani che ne assicurano una gamma vastissima. Chi disegna una scala sa che essa dovrà sposarsi alle intenzioni di arredo e sarà un trait d’union tra due zone. Essa lascerà presagire lo stile dell’ambiente che non si vede, tramite la sua sola visibilità nell’ambiente in cui ci si trovi.

Il soppalco non è area per tutti, in certi ambienti. Quindi, tanto vale che esso sia immaginato nel migliore dei modi. E se, invece, trattiamo di un ambiente in cui il soppalco farà oggetto di visita da parte di tutti, la scala dovrà ancor più assicurare una continuità armonica, oltre che un massimo di comfort e sicurezza per chi la percorrerà.
Scale per soppalchi: le possibilità

Le possibilità di collegamento tra un soppalco e la stanza sottostante che lo ospita sono diverse.

In base al gusto, allo stile cui si intenda uniformarsi, allo spazio disponibile, si opterà per una scala a sbalzo o a rampa.

Le scale a giorno, oggi, sono vendute anche in kit, per chi intenda montarle da solo, ad esempio.  Le soluzioni sono innumerevoli: si può comporre la propria scala come meglio si crede. Si possono inserire dei gradini intermedi per assicurare la perfetta fusione tra la scala ed il locale, si può risparmiare moltissimo spazio, elaborando bene il punto di partenza e quello di arrivo della rampa, si può assicurarsi un massimo di eleganza puntando sulla scelta di ringhiere e corrimano da design leggero, moderno, funzionale.

Un esempio è la scala zincata a rampa, da usare tanto all’interno, quanto fuori.

Fra le scale per soppalchi, poi, esistono quelle specificamente pensate per spazi molto ristretti. Tutto è studiato nel dettaglio, la fattezza ed anche il posizionamento del gradino, in primis!

La materia, tanto del gradino, quanto del corrimano e della struttura di supporto, naturalmente, fanno molto nella scelta di una scala per soppalco. Betulla, faggio, solo ferro…E si può anche optare per un mix, chiaramente. Qualora si opti per i gradini inseriti direttamente nella parete – più facile se progettati prima dell’intera costruzione – il rivestimento ed il colore dei gradini saranno da curare dettagliatamente, proprio per ottenere l’effetto sospeso previsto!

In linea generale, comunque, il connubio legno metallo rappresenta la scelta più agevole ed anche la più gettonata.

Pronti per la rampa?

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo