Un bambino salva a Villaputzu un esemplare di tartaruga Marina in difficoltà

Nel pomeriggio di lunedì 22 luglio un bambino di nome Gabriele ha segnalato ai propri familiari il ritrovamento di un esemplare di tartaruga Marina in difficoltà. Infatti l’esemplare, in balia delle onde perché impigliato in sacchi di plastica, si era arenato nel litorale di Villaputzu.

I genitori del bimbo hanno prontamente comunicato l’emergenza al numero di emergenza Ambientale 1515 del Corpo Forestale

Immediatamente interveniva una pattuglia della Stazione Forestale di Muravera, che eseguiva il primo soccorso dell'animale liberandolo dai rifiuti di di plastica che le impedivano i movimenti. Inoltre l’esame dell'animale ha rivelato che lo stesso era ferito, a causa di un amo conficcato nella bocca.

La pattuglia ha dunque attivato la “Rete regionale di conservazione della fauna marina”, che ha assicurato l’intervento dei propri esperti biologi e veterinari. L’animale è stato preso in carico e ricoverato in una struttura specializzata a Oristano. L’operazione chirurgica di estrazione dell’amo è stata appena ultimata con successo.

L’esemplare, di una età stimata di circa 3 anni, appartiene alla specie caretta caretta, tartaruga marina presente nel mare Mediterraneo e nelle coste della Sardegna, nelle cui spiagge da alcuni anni  sono state registrate anche deposizioni di uova.



La specie è messa in pericolo dall’inquinamento del mare e in particolare dalla presenza di rifiuti di film di plastica. Infatti l’animale è attratto da tali materiali poiché li confonde coi banchi di meduse che sono il suo alimento principale.

La tartaruga dopo il periodo di cure e riabilitazione, sarà rimessa in libertà e per l’occasione sarà invitata la famiglia che grazie alla segnalazione al 1515 del Corpo Forestale, ha dato un sostanziale contributo al salvataggio. L’esemplare è stato chiamato Gabriele in onore al suo piccolo soccorritore.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo