Olbia, arrestato per numerosi furti in abitazione un 46enne

Una volante della Polizia di Stato (foto: Archivio)
Una volante della Polizia di Stato (foto: Archivio)
Ieri gli agenti della Polizia di Stato di Olbia hanno arrestato per furto un 46enne olbiese, con numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e in materia di sostanze stupefacenti.
L’uomo, è indiziato di numerosi furti in abitazione commessi in città nelle ultime settimane, che hanno peraltro destato un allarme sociale.
Proprio a seguito dell’elevato numero di furti messi a segno, il personale del settore Anticrimine del Commissariato  ha incrementato l’attività investigativa, servendosi di metodi tradizionali supportati da innovativi sistemi tecnologici. Le indagini effettuate hanno consentito di attribuire all’uomo diversi furti, i cui esiti sono stati comunicati alla Procura della Repubblica di Tempio Pausania attraverso un dettagliato rapporto che ha permesso al GIP di emettere la misura cautelare eseguita ieri.
E’ stata, altresì, preziosa la collaborazione delle vittime che hanno tempestivamente denunciato i furti, permettendo così alla Polizia Giudiziaria di avviare immediatamente le indagini ed acquisire indispensabili elementi di prova che hanno consentito di risalire all’identità del responsabile e recuperare la refurtiva di valore economico ingente e di valore affettivo incalcolabile.

Sempre nell’ambito dei servizi di contrasto alla criminalità, intensificati nel periodo estivo, gli agenti della volante del Commissariato hanno denunciato in stato di libertà una 49enne di Olbia, che si era introdotta con un pretesto in casa di un’anziana ed approfittando di un momento di distrazione della donna, le aveva sottratto un orologio di valore, dileguandosi subito dopo.
A seguito dell’immediata segnalazione, gli agenti sono riusciti ad individuare la sospetta che aveva ancora con sé l’oggetto appena rubato.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Una volante della Polizia di Stato (foto: Archivio)