Pezzi di Sardegna in vendita online a prezzi irrisori

Sulla piattaforma tedesca di E-Bay (www.ebay.de) sono in vendita, come se fosse la cosa più normale della Terra, confezioni di sabbia prelevata da varie spiagge della Sardegna.
Cala Goloritzè, Porto Pollo, Mari Ermi, Foxi Lioni, Putzu Idu, spiagge saccheggiate da turisti-lanzichenecchi che mai si sarebbero sognati di far cosa simile a casa loro.
Per fortuna sono tanti gli stranieri che apprezzano e amano la Sardegna e proprio una di loro ha provveduto a segnalare l’illecito commercio.
Sì, illecito, perché si tratta di furto aggravato (art. 625 cod. pen.) ai danni dello Stato, in quanto la sabbia fa parte del demanio marittimo (artt. 822 cod. civ. e 28 cod. nav.), chi acquista è responsabile di ricettazione (art. 648 cod. pen.) o, quantomeno, di incauto acquisto (art. 712 cod. pen.), mentre chi favorisce tale illecito (la piattaforma tedesca E-Bay, per esempio), potrebbe rispondere di concorso nel reato (art. 110 cod. pen.).
Danno ambientale e reati vari oltre che becero vandalismo, questa è la realtà dei pretesi souvenir rubati alle spiagge sarde.
L’associazione Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha provveduto a segnalare la vendita illecita (30 luglio 2019) al Corpo forestale e di vigilanza ambientale e ai Prefetti isolani con la richiesta dell’individuazione dei responsabili sia ai fini delle sanzioni penali sia per l’eventuale emanazione a loro carico di provvedimenti che ne impediscano il ritorno in Sardegna almeno per dieci anni.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo