Cagliari. La GdF scopre un soggetto che deteneva all'estero oltre 2.600.000 non dichiarati

Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, le Fiamme Gialle della 2^ Compagnia di Cagliari hanno eseguito un controllo nei confronti di una persona fisica residente nel capoluogo finalizzato alla verifica del corretto assolvimento del cosiddetto “monitoraggio fiscale”.

La disposizione di legge in materia prevede che alcune tipologie di contribuenti (persone fisiche, società semplici ed enti non commerciali), residenti in Italia, che detengono all’estero investimenti patrimoniali o attività finanziarie suscettibili di produrre reddito nel nostro Paese, devono compilare uno specifico quadro della dichiarazione dei redditi, il cosiddetto Quadro RW.

E’ un particolare quadro della dichiarazione dei redditi, dedicato al monitoraggio annuale delle ricchezze detenute all’estero da parte di soggetti residenti in Italia, necessario per determinare le due relative imposte patrimoniali, la IVIE (imposta sugli immobili detenuti all’estero) e la IVAFE (imposta sulle attività finanziarie detenute all’estero).

Oggetto di tali imposte sono quindi i beni patrimoniali detenuti all’estero (ad esempio, immobili od oggetti preziosi) nonché le attività finanziarie da cui derivino redditi di fonte estera, come, ad esempio depositi e conti correnti costituiti fuori i confini italiani.

L’attività di controllo, scaturita dall’approfondimento di attività di intelligence, ha permesso di verificare che il soggetto controllato ha trasferito, tra il 2016 e il 2018, in una banca inglese, una somma pari ad euro 2.615.548,00.

Una volta verificato preliminarmente che tale importo fosse di lecita provenienza, i Finanzieri hanno contestato l’omessa indicazione dello stesso nel quadro RW della dichiarazione dei redditi.

Questa circostanza ha comportato la segnalazione del contribuente all’Agenzia delle Entrate ai fini della dell’irrogazione della sanzione amministrativa compresa tra il 3 ed il 15% dell’importo trasferito e non dichiarato.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo