OMBRELLONI "SEGNAPOSTO" PER IL GIORNO DOPO

Guardia Costiera di Porto Torres. Maxi sequestro di attrezzature balneari a Baia delle Mimose

Un’importante operazione di polizia marittima a tutela della libera fruizione del demanio è stata portata a termine dalla Guardia Costiera di Porto Torres ed ha condotto al sequestro di oltre un centinaio di attrezzature balneari, tra cui lettini, sdraio e ombrelloni, utilizzati per occupare il posto in spiaggia in località Baia delle Mimose nel Comune di Badesi.
A seguito di appostamenti, infatti, i militari della Capitaneria di porto turritana hanno avuto modo di verificare che i fruitori del tratto di spiaggia in questione lasciavano le attrezzature balneari anche oltre il tramonto del sole, per accaparrarsi i posti migliori per l’indomani.
All’imbrunire, quindi, è scattata l’operazione per liberare la spiaggia, che ha visto impegnati gli uomini del Comando di Porto Torres e di Castelsardo, e che ha consentito di restituire quel tratto pregiato di demanio marittimo alla libera fruizione.
Le attrezzature sequestrate, oltre cento tra lettini, sdraio e ombrelloni, saranno confiscate e distrutte come da normativa vigente.
Durante le operazioni di rimozione e sequestro si è formata una folla di curiosi, ma nessuno ha reclamato la proprietà di sdraio e ombrelloni, anche per non incorrere nella sanzione prevista in questi casi.
Il Comandante della Capitaneria di porto turritana, Capitano di Fregata (CP) Emilio DEL SANTO, infatti, evidenzia che l’abitudine di lasciare le attrezzature balneari oltre il tramonto del sole, oltre che un fastidioso malcostume, rappresenta un illecito che impedisce a tutti di poter usufruire liberamente delle nostre meravigliose spiagge.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo