Venerdì 9 agosto alle 21.30 presso la Basilica di San Gavino a Porto Torres Patrick De Ritis

Un inconsueto duo fagotto e pianoforte, un’accoppiata di strumenti per animare le atmosfere della splendida Basilica di San Gavino. Protagonisti del Recital cameristico in  programma domani, venerdì 9 agosto alle 21.30 sono Patrick De Ritis al fagotto solista dell’Orchestra Sinfonica di Vienna, e Claudio Sanna al pianoforte, maestro collaboratore per  l’Arena di Verona, per un excursus in musica tra composizioni di Torriani, Kalliwoda e Tansman.

I due artisti proporranno le sonorità che era tipico ascoltare nei salotti aristocratici tipici dell’Ottocento e del Novecento. In apertura sarà eseguita una rielaborazione di Torriani dell’opera “Lucia di Lammermoor” di Donizetti cui seguirà la sonata di Tansman per concludersi con Saint-Saëns nella Sonata in sol maggiore per fagotto e pianoforte, e infine il Tango di Dubois. L’appuntamento nella chiesa millenaria darà la possibilità di ascoltare i capolavori della musica in maniera insolita attraverso i virtuosismi di Patrick De Ritis, solista e direttore delle più importanti orchestre del mondo. L’artista nato in Francia ma cresciuto in Italia inizia la sua avventura da musicista suonando il pianoforte e dedicandosi poi allo studio di fagotto con Marco Costantini. Fondatore e direttore artistico del gruppo di fiati “European Wind Soloists” è stato insignito dal ministro della cultura austriaca della nomina di Professore per la diffusione della musica classica nel mondo.

Ad accompagnarlo sarà il pianista, Claudio Sanna, che alterna la sua attività da solista con quella di maestro collaboratore di varie manifestazioni musicali di livello nazionale, tra cui la XIV edizione di Musica & Natura, evento nell’ambito del quale si inserisce il concerto di domani, organizzato dalla manifestazione Musicando Insieme, curata dal direttore artistico Donatella Parodi,  in collaborazione con la chiesa Santi Martiri Turritani. La manifestazione patrocinata dal Comune di Porto Torres, si svolge grazie al contributo della Regione Sardegna e di Ep Fiume Santo.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo