Realizzato a Ploaghe un murale raffigurante i candelieri, simbolo del paese

“Quando ci confrontammo con l’artista, il ploaghese Antonio Sanna, gli chiedemmo di realizzare un’opera originale, quasi unica, e lui – visto l’esito - ci ha ascoltato”. Sono le parole – soddisfatte - del sindaco di Ploaghe Carlo Sotgiu, orgoglioso per la realizzazione del murale raffigurante i candelieri, simbolo di Ploaghe. “Per fare le cose uniche ci vuole tempo, tempo per ideare, tempo per selezionare i materiali, tempo per realizzare. Cose difficilmente visibili agli occhi del profano ma che chi si cimenta in queste forme d’arte ben conosce” ha proseguito il primo cittadino. Sono passati infatti due anni da quando l’amministrazione ha commissionato l’artista al momento in cui l’opera è stata completata. “Un tempo necessario”, secondo gli amministratori, “se vuoi fare una vera opera originale e degna del soggetto che intendi rappresentare”. Lo sfondo in rilievo rappresentante il tappeto tipico ploaghese con la chiesa di San Pietro che fa da cornice ai due candelieri, rappresenta un aspetto innovativo che rende il murale ploaghese davvero unico nel suo genere. “Un regalo”, sottolineano gli amministratori, “fatto alla comunità ploaghese dall’amministrazione con i soldi delle indennità degli assessori, senza spendere un euro del bilancio comunale, così come è stata realizzata la pietra all’ingresso del paese, i giochi del giardino della maternità e di via Galilei o la pietra che verrà posata prossimamente nell’ingresso da Chiaramonti”.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo