A Stintino la 37^ edizione del Trofeo Presidente di vela latina

Ancora una volta il Trofeo Presidente della Repubblica di Vela Latina trionfa su tutti i meteo e le previsioni sfavorevoli lucidando il solito ormai proverbiale stellone meteorologico e sconfessando quanti confidano ormai solamente nel benestare del dio Internet per andare per mare. Una splendida giornata di sole e di mare ha premiato quei pochi ma buoni che, da veri marinai, hanno seguito l’ottimismo del Comitato di Regata (l’organizzatrice AVeLa con il Centro Nautico Isola d’Ercole) il quale, superato un groppo effettivamente scoraggiante anche se molto rapido, ha tenuto ugualmente il briefing armatori invitando tutti a mollare gli ormeggi alla volta della Rada della Pelosa. Una volta arrivati,  il premio per tutti, una improvvisa schiarita che ha donato al mare già bellissimo della celebre Rada dei colori ancora più brillanti ed addirittura alcune zone di bonaccia in luogo dell’annunciato colpo di maestrale con forti piovaschi. Uno scenario veramente speciale nel quale si sono misurate, su un triangolo non troppo esteso,  le barche di Alghero Ishtar, S. Barbara e Rafaellina con le due lance Fiume di Gildo Motroni e  Salvatore Padre di Enrico Scotti a salvare l’onore degli armi stintinesi.

Una bella rimpatriata, come sempre, fra generosi uomini di mare: su tutti ha prevalso l’affiatamento dell’equipaggio del gozzo Ishtar di Giorgio Maccioccu (a bordo, fra gli altri,  anche il fratello Gavino e al timone l’altro veterano Gianmario Catta) il quale ha portato a casa per la terza volta il prestigioso Trofeo Challenge Presidente della Repubblica che ormai reca un ipoteca di tutto rispetto per la conquista definitiva.

Il gozzetto Rafaellina, simpatica new entry dell’evento stintinese, con Danilo Rizza Carlo Solinas ed il capitano Carmelo Chessa ha dato una speranza per il futuro di questo armo che sta conoscendo in tutta l’Italia meridionale una nuova fioritura ma che proprio in Sardegna, dove 37 anni fa è nato il fenomeno proprio con la Regata stintinese, conosce indubbiamente una fase di stanca.

Premiazione per la prima volta rinviata di venti giorni, ma il motivo è di quelli importanti, la festa di lancio il 20 settembre a Sassari del nuovo Ecomuseo del Mare e dell’Acqua (EMA) fondato da AVeLa Tradizionale nella Palazzina Liberty dell’acquedotto ottocentesco.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo