Torna a Sassari la Notte europea dei ricercatori il 26 e 27 settembre

Torna il 27 settembre la Notte Europea dei Ricercatori, coordinata a livello nazionale da Frascati Scienza, a cui anche quest'anno l'Università degli Studi di Sassari aderisce con entusiasmo proponendo ben due giornate di eventi.

Per giovedì 26 e venerdì 27 settembre, l'Ateneo ha organizzato due giorni di incontri tra società e scienza per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in un contesto informale e stimolante. Come l'anno scorso, il tema di quest'edizione della Notte europea dei ricercatori è "BEES, Be a citizEn Scientist", pensato per incoraggiare la partecipazione dei cittadini all'evoluzione della ricerca scientifica. L'acronimo richiama l'operosità delle api e la loro organizzazione. Negli alveari, come in tutte le società complesse, il contributo di ogni componente è fondamentale per il benessere della collettività.

Si comincia il 26 settembre alle 16.00 con i "Caffè Scienza", incontri informali in bar, caffetterie e vinerie del centro di Sassari che hanno accolto l'invito dell'Ateneo a partecipare alla Notte dei ricercatori, manifestazione che propone in tutta Europa oltre 400 eventi. I caffè scienza andranno avanti fino alle 22.00 secondo un calendario che sarà pubblicato su www.uniss.it.

Si prosegue il 27 settembre dalle 9.00 alle 13.00 nel palazzo storico dell'Ateneo in piazza Università. L'intera mattinata sarà dedicata alle scuole primarie e medie che potranno prenotare la visita agli stand inviando un'e-mail all'indirizzo gdemuro@uniss.it. I 16 stand che verranno allestiti per l'occasione, ospiteranno  gli exhibit scientifici e i laboratori interattivi allestiti dai dipartimenti dell'Ateneo, dal museo scientifico, da varie associazioni di promozione della scienza. Negli stessi orari, l'Ospedale didattico veterinario organizzerà nel cortile dell'ex Estanco in piazza Università un pet corner, cioè un angolo dedicato agli animali domestici, intitolato “Sono troppo cicciottello?”, infopoint incentrato sul benessere e l’alimentazione dei cani. I proprietari dei quattro zampe che fossero interessati, potranno prenotare un appuntamento con il nutrition desk inviando un’e-mail all’indirizzo mgcappai@uniss.it. Intanto, nell'atrio d'ingresso al palazzo numerosi ricercatori, assieme a rappresentanti delle associazioni e della società civile, si avvicenderanno sul piccolo palco di "ScienzArena" in agili talk di comunicazione scientifica, intervallati da brevi dibattiti. I talk si protrarranno dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 21.00 (stessi orari per gli exhibit).

Filo conduttore delle due giornate sarà la sostenibilità ambientale declinata secondo i Sustainable development goals (https://www.un.org/sustainabledevelopment/sustainable-development-goals/) dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.

Gli eventi di Sassari sono frutto della collaborazione tra Frascati Scienza, l'Università di Sassari e i suoi partner e sponsor: Regione Sardegna, Comune di Sassari, Por FESR Sardegna 2014-2020, Asoc Sardegna, Accademia di Belle Arti "Mario Sironi", Rete degli istituti scolastici della Provincia di Sassari, Società astronomica turritana, Conservatorio Luigi Canepa, Centro Riunito Sassari, Acqua San Martino.

Il progetto coordinato da Frascati Scienza è realizzato con il supporto della Regione Lazio, del Comune di Frascati e dell'Ente Parco Regionale Appia Antica. Come in ogni edizione, saranno coinvolti moltissimi partner tra enti istituzionali, associazioni e aziende.

Sono già circa 60 le partnership attive: Comune di Ariccia-Ufficio Statistica, Consortium GARR, ESA-ESRIN, Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi (ICBSA), Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro, Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro (ISCR), Giovani per l’Unesco Lazio, Istituto Dermatologico San Gallicano (ISG) e Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (IRE), Istituto Superiore di Sanità, Istituto Nazionale per le Malattie Infettive ‘Lazzaro Spallanzani’, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Università Campus BioMedico di Roma, Parco Archeologico di Pompei-Laboratorio di ricerche applicate, YOCOCU – YOuth in COnservation of CUltural Heritage, Centro Studi sull’Intelligence, Scienze Strategiche e della Sicurezza (U.N.I.), RES (REte di Scuole) Castelli Romani, Sapienza Università di Roma-Dipartimento di Management, Sissa Medialab-Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati-Trieste, Unitelma Sapienza, Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Università degli Studi di Sassari e Dipartimento Architettura Design e Urbanistica, Università LUMSA, Università degli Studi di Roma Tor Vergata-Centro di Studi Giuridici Latinoamericani (CSGLA) – Macroarea di Scienze MM FF NN e Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società, Università Roma Tre-Dipartimenti di Scienze, Matematica e Fisica, Ingegneria, Architettura, Psycode, Accatagliato, Associazione Arte e Scienza, Associazione AGET, Associazione italiana degli Infermieri di Camera Operatoria-AICO Italia, Astronomitaly, B:kind | Science & Co., Fondazione E. Amaldi, Fondazione Universitaria INUIT-Tor Vergata, G.Eco, GEA S.C.a r.l., Il Refuso-Giornalisti Nell’erba, INSPIRE, K-production A.S.D., L.U.D.I.S., Matita Entertainment, MindSharing.tech APS, Multiversi, Explora, il Museo dei bambini di Roma, Gruppo Astrofili Monti Lepini, Parimpari Onlus, Scienza Divertente-Roma e Verona, ScienzImpresa, Speak Science, Tecnoscienza.it, Toscience, Unione Astrofili Italiani, Algares, Algaria srl, FVA New Media Research, Moveo Walks, Inc., Sotacarbo-Società Tecnologie Avanzate Low Carbon SpA, Banca d’Italia-Centro Donato Menichella, Rhea Group, Pro Loco di Frascati, Biblioteca di Frascati BASC, PA Social, Museo della Terra Pontina di Latina, Istituto Comprensivo di Villanova d’Asti.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo