Desirè Manca:"Pronto soccorso di Sassari al collasso." Aggrediti due infermieri

L'ingresso del Pronto Soccorso (foto: Ufficio stampa Asl)
L'ingresso del Pronto Soccorso (foto: Ufficio stampa Asl)
“Credo che la situazione sia ormai insostenibile. Sono trascorsi sei mesi dall'insediamento della nuova Giunta. Abbiamo chiesto, abbiamo addirittura urlato, di intervenire per risolvere il problema del pronto soccorso di Sassari. Ma la situazione anziché migliorare peggiora. Ogni giorno ormai si assiste a scene di aggressione dovute alla disperazione della gente costretta a rivolgersi all'unico pronto soccorso del Nord Ovest della Sardegna. L’ultimo episodio gravissimo, l’aggressione ai danni di due dipendenti, risale ad alcuni giorni fa. Bilancio: due infermieri in stato di infortunio e pronto soccorso bloccato per due ore. Siamo allo sbando. In queste condizioni è naturale che gli operatori non riescano a stare al passo con le richieste sempre più numerose dei pazienti che si ritrovano catapultati in una realtà che niente ha a che fare con le effettive esigenze del malato”.
“Parlo di pazienti in codice giallo o verde che attendono anche dodici ore prima di essere visitati. Parlo di barelle nei corridoi, della mancanza di letti, carrozzine, di strumenti essenziali. Mancano medici, infermieri, ausiliari, e quei pochi che ci sono si devono dividere tra l'espletamento delle pratiche burocratiche e le cure al paziente. Il pronto soccorso di Sassari è al collasso. Il Nord Sardegna è al collasso”.
Questo l’amarissimo intervento della capogruppo del M5S Desirè Manca, da sei mesi in attesa di risposte da parte dell’assessore alla Sanità e della Giunta, da sei mesi in attesa di azioni concrete che possano mettere in sicurezza i lavoratori e restituire ai malati il diritto di essere curati in tempi ragionevoli.
“Da sei mesi chiedo risposte, chiedo azioni concrete. E cosa ho ottenuto? Il nulla. Il niente assoluto. Credo che, con tutto il rispetto per gli argomenti urgenti da trattare e le numerose problematiche da risolvere, la salute dei cittadini debba venire prima di tutto. Chiedo atti di responsabilità, atti di coraggio. Non mi fermerò qui. Rappresenterò l'incubo della Giunta regionale sarda finché non vedrò il problema risolto”
La capogruppo Desirè Manca risolleva anche la questione del ritardo nelle nomine: “Questo nuovo governo non è riuscito ancora a nominare il nuovo direttore dell'AOU.
Il facente funzioni – chiede Desirè Manca - fino a quanto e quando potrà rispondere dell'inefficienza del reparto forse più importante di tutta la sanità sassarese?
In attesa di questa nomina che doveva essere urgente, prioritaria, nessuno prende decisioni. Nessuno prende iniziative. Nessuno si assume la responsabilità di ciò che accade. Era questo il governo che volevano i sardi?”

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • L'ingresso del Pronto Soccorso (foto: Ufficio stampa Asl)