Ristorante pubblicizza"pranzo speciale",bussa la Guardia di Finanza e scopre 16 lavoratori in "nero"

Le Fiamme Gialle della 2^ Compagnia di Cagliari, nell’ambito delle attività di contrasto al lavoro nero ed irregolare, hanno concluso un controllo nei confronti di una società operante ad Assemini nel settore della ristorazione.

L’attività ispettiva si è sviluppata nell’ambito dell’intensificazione dei controlli della specie nei periodi caratterizzati da maggiore presenza di turisti e avventori, quale quello attuale.

L’attività di controllo scaturisce dall’approfondimento delle informazioni che ogni giorno vengono elaborate a seguito del costante controllo del territorio eseguito dalle pattuglie sulla strada: tali dati vengono analizzati attraverso il supporto delle banche dati in uso al Corpo al fine di far emergere potenziali indizi di criticità al fine di orientare le attività ispettive secondo il consolidato principio della proficuità comparata.

Nel controllo in argomento, infatti, i Finanzieri hanno selezionato un soggetto economico che aveva pubblicizzato, anche sui propri profili social, l’organizzazione di un pranzo speciale, ma le visure alle banche dati facevano emergere, in vitro, riportavano un numero di lavoratori incoerente con la dimensione del locale e dell’offerta.

Le Fiamme Gialle, prima che iniziasse il pranzo, sono intervenuti accedendo nel locale ed identificando tutti i soggetti intenti a svolgere attività lavorativa, sia nella cucina sia nell’allestimento della sala.

Tutti i lavoratori sono stati appositamente intervistati al fine di consentire una puntuale e dettagliata ricostruzione della propria situazione occupazionale.

Dall’analisi delle informazioni formalmente acquisite all’atto dell’accesso e delle scritture obbligatorie previste dalla normativa giuslavoristica, è emerso che, dei 20 lavoratori identificati, 16 erano completamente in nero.

Pertanto il titolare dell’attività controllata è stato destinatario di sanzioni amministrative ammontanti, nel complesso, fino a un massimo di 54.000 Euro per l’impiego di personale sprovvisto della regolare copertura contributiva e assicurativa, con il contestuale obbligo alla loro regolarizzazione (circostanza già ottemperata dalla parte) e la proposta al competente Ispettorato Territoriale del Lavoro della sanzione accessoria della chiusura per un determinato periodo di tempo, atteso che il personale trovato “in nero” corrispondeva ad una percentuale almeno del 20’% dei lavoratori presenti.

A conclusione degli approfondimenti è inoltre emerso che i dipendenti in nero ricevevano la retribuzione in contanti, modalità bandita dalla Legge di Bilancio del 2018 che ha imposto, dal primo luglio 2018, l’obbligo di pagamento delle retribuzioni con modalità tracciabili.

Per tale violazione il datore di lavoro è stato destinatario altresì di una sanzione amministrativa compresa tra un minimo di 1.000 e un massimo di 5.000 Euro.

Questo ennesimo risultato di servizio, si pone sulla scia della quotidiana, incisiva e costante azione di contrasto a tutte le forme di illegalità afferenti il comparto del lavoro, attività che, dall’inizio dell’anno ha consentito di individuare, complessivamente, 82 lavoratori in nero e sanzionare 34 titolari di attività commerciali.




© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo