Sorso, arrestata casalinga con 630 grammi di marijuana e una pianta di un metro e mezzo sul balcone

I Carabinieri della Compagnia di Porto Torres, nel corso di vari controlli per contrastare i reati di spaccio di sostanze stupefacenti, ieri mattina hanno arrestato una casalinga 52enne di Sorso. I carabinieri, insospettiti dalla presenza di una pianta “anomala”, nascosta tra le tante che ornavano il balcone della donna, hanno effettuato una perquisizione domiciliare non convinti da quell’insolito hobby per il giardinaggio. La donna, con malcelato imbarazzo, non ha potuto evitare che al controllo dei Carabinieri sfuggisse la presenza di una fiorente e soleggiata pianta di marijuana, alta circa un metro e mezzo. L’ipotesi di una stravagante passione per la botanica è stata poi definitivamente accantonata quando, nella camera da letto, sono stati rinvenuti ben 630 grammi di infiorescenze, suddivisi in pacchi di cellophane. Lo stupefacente, verosimilmente destinato ad attività di piccolo spaccio locale, è stato opportunamente sequestrato dai militari. L’arresto della donna, avvenuto in flagranza di reato per produzione e detenzione di droga, è stato poi convalidato nella giornata odierna dal G.I.P. del Tribunale di Sassari. Nel 2017 l’ex compagno della donna era stato arrestato, sempre dai Carabinieri della Compagnia di Porto Torres, perché nel suo terreno stava coltivando 110 piante di marijuana.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo