Sassari. La ricerca dell'uomo scomparso a Porto Ferro: esempio di organizzazione perfetta

Ieri  pomeriggio ha avuto lieto fine la complessa attività di ricerca dell'uomo - poi identificato in Luca Pilloni di Oristano - scomparso nella giornata di martedì 8 ottobre nel tratto di costa in località Porto Ferro.
Le operazioni, coordinate dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero su indicazione della Prefettura di Sassari in ottemperanza alle linee guida contenute nel “Piano Provinciale per le persone scomparse”, sono state avviate per la ricerca di un uomo di cui non si avevano più notizie dal tardo pomeriggio di martedì 8 ottobre.
Questo era stato visto per l’ultima volta prendere il mare dalla spiaggia di Porto Ferro a bordo della sua tavola da surf, poi se ne erano perse le  tracce.  
Il recupero, nel corso della mattinata di ieri, della sola tavola da surf all’interno di una piccola insenatura a circa due miglia più a nord rispetto alla spiaggia di Porto Ferro, aveva fatto temere il peggio.
Nel tardo pomeriggio, invece, l’uomo è stato rintracciato dalle pattuglie impegnate nella ricerca lungo la strada che collega il Lago di Baratz a Palmadula, cosciente ma in evidente stato di disidratazione, affaticamento e confusione. È stato quindi condotto all’Ospedale Civile di Alghero.
Le operazioni di ricerca lungo la fascia marino costiera hanno visto il coinvolgimento di un cospicuo numero di mezzi navali della Guardia Costiera di Alghero, della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Alghero e del nucleo sommozzatori  dei Vigili del Fuoco di Sassari.
Le ricerche a terra sono state invece condotte da una squadra terreste del distaccamento dei Vigili del Fuoco di Alghero nonché da pattuglie delle Stazioni Carabinieri di S.M. La Palma e di Palmadula e da personale in forza alla Base Logistica Operativa Forestale di Alghero ed alla locale Compagnia Barracellare.
Fondamentale per le ricerche è stato l’apporto dei mezzi aerei del Nucleo Elicotteri dei Vigili del Fuoco.
Il Comandante della Guardia Costiera di Alghero, T.V. (CP) Pierclaudio MOSCOGIURI, nell’evidenziare la stringente sinergia che ha permesso di concludere in tempi celeri e nel migliore dei modi una ricerca complessa per vastità ed eterogeneità dell’area interessata, ha ringraziato pubblicamente tutti gli intervenuti nelle operazioni di ricerca per la professionalità e l’alto senso del dovere che ha contraddistinto il loro operato.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo