Sassari. La Pallacanestro Trieste vince al PalaSerradimigni per meno demeriti della Dinamo

 (foto: gentile concessione Dinamobasket.com)
(foto: gentile concessione Dinamobasket.com)
È un finale al cardiopalma a chiudere la sfida della 4°giornata: al termine di una sfida mai chiusa definitivamente la Pallacanestro Trieste strappa la vittoria sul campo del PalaSerradimigni. La Dinamo Banco di Sardegna parte bene e trova il primo gap in chiusura di seconda sirena, trascinata da un buon Miro Bilan protagonista di un ottimo primo tempo. Nel secondo tempo una Trieste mai doma resta a contatto e negli ultimi 3’ trova il break finale che gli permette di strappare i due punti in palio.

Starting five biancoblu con Bilan, Evans, Pierre, Vitali e Jerrells, Trieste risponde con Peric, Fernandez, Jones, Mitchell e Justice. Il Banco parte forte con un minibreak firmato Miro Bilan: gli ospiti si riportano in parità con la coppia Mitchell-Jones. I padroni di casa mettono la testa avanti dalla lunetta con Vitali, Jerrells e Pierre. A sbloccare gli uomini di coach Dalmasson è l’ex Juan Fernandez – in Sardegna nel 2013- con 6 punti e un 3+1 che riporta i triestini a un solo possesso di distanza. Il Banco ricaccia indietro gli ospiti con Evans e Spissu, il canestro di Da Ros allo scadere chiude la prima frazione 22-19. La bomba di Cavaliero riporta Trieste sul 22 pari in avvio di secondo quarto: reazione sassarese con McLean, Vitali e Bilan. Il Banco si porta sul +5, è ancora l’ex Fernandez ad accorciare dai 6,75. Curtis Jerrells non ci sta e sigla il reverse dell’allungo sassarese, serve l’assist per Bilan e monetizza l’antisportivo di Justice. Dopo 20’ la Dinamo conduce 35-27. In avvio di secondo tempo Trieste entra in campo con una faccia diversa: i biancorossi scrivono un parziale di 11-0 che sigla parità e sorpasso. Il Banco incespica in attacco ma si sblocca con Spissu dall’arco. Le due squadre si affrontano punto a punto: i giganti trovano l’allungo dalla lunetta con Evans e Pierre. McLean chiude al 30’ con il canestro del +5 biancoblu (48-43). Negli ultimi dieci minuti Trieste prova ad accorciare le distanze con Cooke, il Banco risponde dalla lunetta con Pierre, Gentile e McLean (52-45). Gli uomini di coach Dalmasson si riportano a un possesso con Da Ros, Elmore e Cooke. La tripla di Cavaliero punisce la difesa sassarese e dice 54 pari con poco più di 3’ da giocare: Trieste si accende dall’arco e trova il break con Cavaliero e Jones. Timeout biancoblu: i giganti rientrano in campo con una faccia diversa. Canestro and one di Vitali, difesa asfissiante dall’altra parte del campo e rubata che consegna a Gentile l’appoggio del -1. Dequan Jones però sfrutta il fallo di Pierre e chiude il gioco da tre punti che consegna a Trieste la partita. Al PalaSerradimigni finisce 59-65.

Dinamo Banco di Sardegna 59– Pallacanestro Trieste 65

Parziali: 22-19; 13-8; 13-16; 11-22.

Progressivi: 22-19; 35-27; 48-43; 59-65.

Dinamo Banco di Sardegna. Spissu 10, McLean 7, Bilan 11, Bucarelli, Devecchi, Evans 8, Magro, Pierre 8, Gentile 3, Vitali 7, Jerrells 5. All. Gianmarco Pozzecco.

Pallacanestro Trieste. Coronica, Cooke 8, Peric 10, Fernandez 8, Jones 22, Strautins, Janelidze, Cavaliero 9, Da Ros 4, Mitchell 2, Elmore 2, Justice. All. Eugenio Dalmassonon

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: gentile concessione Dinamobasket.com)