Tentativo di sequestro a Sassari: volevano riportare la donna in Romania

Sono stati svelati questa mattina dai Carabinieri della Compagnia di Sassari, agli ordini del Capitano Giuseppe Sepe,  nel corso di una conferenza stampa, tutti i retroscena del rocambolesco tentativo di sequestro avvenuto ieri a Sassari nella centrale Piazza Sant'Antonio.
Arrestati i tre colpevoli: si tratta dell'ex marito della donna, della suocera e dell'ex cognato, minorenne. I primi due sono finiti nel carcere di Bancali.
Pesantissime le imputazioni: tentato sequestro di persona e tentato omicidio, quest'ultimo reato è stato contestatoin considerazione che il gruppetto si è presentato armato.
Dalla ricostruzion dei fatti è risultato che la giovane romena, oggetto del tentativo di sequestro, sia fuggita dalla Romania per sottrarsi  alle continue angherie dell'ex marito, lasciando in quel paese anche un piccolo di un anno che il gruppo ha portato con sè a Sassari.
Da qui la spedizione punitiva per riportare la donna in Romania.
Il tentativo di sequestro è però saltato per l'intervento di un sassarese che, assistendo alla scena, è intervenuto senza paura bloccando il tutto sino all'arrivo dei Carabinieri della Sezione radiomobile che hanno provveduto al fermo dei tre romeni. Intervento che si è rivelato provvidenziale per i tre che hanno anche rischiato di prenderle dalla folla che nel frattempo si era assiepata in Porta Sant'Antonio.






© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo